sabato 25 febbraio | 12:18
pubblicato il 23/gen/2014 11:51

Sanita': studio Int Milano, chirurgia meno invasiva per tumore al seno

Sanita': studio Int Milano, chirurgia meno invasiva per tumore al seno

(ASCA) - Milano, 23 gen 2014 - Chirurgia sempre meno invasiva per il trattamento dei tumori del seno in fase iniziale: uno studio condotto dai ricercatori dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e pubblicato sulla rivista scientifica Cancer ha dimostrato che per il trattamento del carcinoma della mammella in fase iniziale e senza coinvolgimento clinico dei linfonodi ascellari e' sufficiente l'intervento chirurgico al seno senza bisogno di asportare anche i linfonodi dell'ascella. Questo permettera' interventi chirurgici meno invasivi con benefici sulla qualita' della vita delle pazienti e senza rischi per la salute. Il trattamento del tumore del seno in fase iniziale prevede un intervento chirurgico di tipo conservativo secondo una tecnica che prende il nome di quadrantectomia e che consiste nell'asportazione dei tessuti malati circoscritti alla neoplasia, senza la totale asportazione del seno. Dopo la quadrantectomia viene eseguito l'esame del ''linfonodo sentinella'' che ha la funzione di ''drenare'' la linfa dell'area del tumore. Se questo linfonodo contiene cellule tumorali tutti i linfonodi ascellari vengono asportati con un ulteriore intervento chirurgico. I ricercatori dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano hanno dimostrato che in pazienti con tumore mammario in fase iniziale e senza linfonodi ascellari clinicamente palpabili non e' piu' necessaria l'asportazione dei linfonodi ascellari e questo senza avere alcun impatto sulla sopravvivenza. Le conoscenze acquisite sulle caratteristiche biologiche del tumore primitivo nella mammella sono infatti in grado di guidare le indicazioni per le terapie mediche precauzionali post-operatorie a prescindere dall'informazione che deriva dai linfonodi ascellari. L'indagine e' stata svolta su un campione di oltre 500 donne di eta' compresa tra i 30 e i 65 anni sottoposte a quadrantectomia con o senza intervento chirurgico sui linfonodi delle ascelle che sono state osservate clinicamente per oltre 10 anni. ''Questo studio - commenta Marco Pierotti Direttore Scientifico della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano - si colloca nella tradizione dell'Istituto nella cura dei tumori della mammella segnata da ricerche innovative pionieristiche che hanno cambiato anche a livello internazionale i paradigmi di questa malattia. Dieci anni di osservazione su 500 casi trattati e l'integrazione di ricerca clinica e biologica, altra caratteristica dell'Istituto, hanno portato a questo risultato che permette, a parita' di esito clinico, di modulare gli interventi con migliore qualita' di vita dei pazienti e anche significative ricadute di risparmio economico''.

Lo studio condotto all'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano e' pionieristico: anche se recentemente studi internazionali hanno dimostrato che la dissezione ascellare non e' necessaria dopo una biopsia del linfonodo sentinella positiva, questo lavoro dimostra che nelle condizioni opportune e' possibile evitare qualsiasi tipo di chirurgia sui linfonodi ascellari. Nel tumore della mammella in fase iniziale, quindi, si puo' pensare di escludere anche il linfonodo sentinella, la cui biopsia e le informazioni che derivano da esso, sono superate dalla biologia del tumore stesso. Il lavoro, inoltre, evidenzia che, basando la terapia post-operatoria sulle caratteristiche biologiche del tumore, e' possibile risparmiare un significativo numero di chemioterapie senza un impatto negativo sulle possibilita' di guarigione, evitando proprio quelle chemioterapie la cui unica indicazione deriva dall'eventuale presenza di cellule tumorali a livello linfonodale ascellare.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Salute
A Giulio Maira il premio Raffaele Marinosci per la Medicina
Cucchi
Cucchi: sospesi da servizio tre carabinieri accusati di omicidio
Papa
Papa: rischiamo una grande guerra mondiale per l'acqua
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech