mercoledì 18 gennaio | 03:20
pubblicato il 14/gen/2014 15:30

Sanita': Scaccabarozzi (Farmindustria), no tagli ma razionalizzare spesa

Sanita': Scaccabarozzi (Farmindustria), no tagli ma razionalizzare spesa

(ASCA) - Roma, 14 gen 2014 - ''Il nostro SSN non ha bisogno di tagli del Finanziamento ma di razionalizzare la spesa''.

Lo ha detto il presidente di Farmindustria, Massimo Scaccabarozzi intervenendo, dati alla mano, al convegno organizzato oggi da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del Malato e Farmindustria.

'' La Sanita' in Italia - ha detto - non spende 'troppo' ne' in termini statici, ne' dinamici, poiche' i confronti internazionali di OECD e Fondo Monetario Internazionale mostrano che la nostra incidenza sul PIL (7,2%): e' piu' bassa rispetto ai Big Ue (8%) ed e' destinata a crescere da qui al 2030 meno che negli altri Paesi''.

''La farmaceutica - ha spiegato - e' un comparto paradigmatico in questo senso, con una spesa procapite piu' bassa del 25-30% rispetto agli altri Paesi Big Ue e la necessita' di migliorare una situazione che vede il nostro Paese detenere il record europeo di vincoli burocratici - nazionali e regionali - per l'accesso ai nuovi prodotti''.

Scaccabarozzi ha chiesto di superare la ''sovrapposizione di competenze tra il livello nazionale di Governo e quello regionale'' in modo da ''migliorare la qualita' del nostro SSN e rendere l'Italia piu' competitiva. Ad esempio attraverso un immediato accesso per i farmaci innovativi destinati alle malattie croniche. Una parte dei risparmi derivanti dalla riduzione dei ricoveri e delle complicazioni di alcune patologie croniche tramite la prevenzione (come il diabete e l'ipertensione) dovrebbe infatti essere reinvestita nel sistema per assicurare l'immediata disponibilita' dei farmaci innovativi''.

La coerenza tra le decisioni, ha ribadito, '' e' fondamentale per l'equita' dell'accesso alle cure e alle migliori terapie in modo omogeneo su tutto il territorio'', ma anche ''per la credibilita' complessiva del Sistema Italia, indebolita da decisioni locali che rendono inefficaci quelle assunte a livello nazionale''.

''La farmaceutica ha chiuso il 2013 senza tagli- ha concluso - ma con una redditivita' sotto pressione (-20% rispetto ai Big Ue) e nei prossimi mesi le imprese faranno i conti con i pesanti payback per lo sfondamento del tetto di spesa: con costi per alcune imprese di diverse decine di milioni. In una condizione nella quale, come mostrano i dati Prometeia, la pressione fiscale sulle imprese in Italia e' piu' che doppia rispetto ai nostri Paesi concorrenti''.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bancarotta
Bancarotta, a Reggio Calabria 7 ordinanze cautelari
Cucchi
Cucchi, pm contesta omicidio preterintenzionale a 3 carabinieri
Immigrati
Naufragio nel Mediterraneo, a Trapani 38 superstiti e 4 vittime
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa