mercoledì 22 febbraio | 01:03
pubblicato il 04/gen/2013 15:44

Sanita': Roma, 2mila notti in albergo per famiglie pazienti Bambin Gesu'

Sanita': Roma, 2mila notti in albergo per famiglie pazienti Bambin Gesu'

(ASCA) - Roma, 4 gen - Duemila notti gratuite in vari alberghi della capitale a disposizione delle famiglie dei piccoli ricoverati dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesu'.

Una nuova opportunita' di accoglienza per le mamme e i papa' che sempre piu' numerosi si rivolgono al Bambino Gesu' da ogni parte d'Italia e dall'estero per la cura dei propri piccoli. E' il frutto dell'accordo tra Associazione Bambino Gesu' Onlus e Confimprese Turismo Italia.

''Un accordo - spiega Giuseppe Profiti, Presidente dell'Ospedale Pediatrico - che fa parte della terapia Bambino Gesu', che non e' solo ospedaliera ma si fa carico dei bisogni complessivi dei piccoli e delle loro famiglie.

L'intesa siglata oggi consolida la capacita' dell'Ospedale di farsi promotore e coordinatore sul territorio di reti di collaborazione e solidarieta'''.

L'iniziativa avra' la durata di un anno, le prime stanze verranno messe a disposizione gia' a partire dall'Epifania e l'obiettivo e' arrivare ad offrire 2000 pernottamenti nell'arco dei prossimi 12 mesi. Le camere potranno accogliere ognuna 2 o 3 persone e verranno assegnate, tramite l'Associazione Bambino Gesu', a chi ha maggiori difficolta' a sostenere le spese di lunghe degenze lontano dalla propria citta' di provenienza. ''L'accordo raggiunto oggi per accogliere le famiglie dei bambini degenti ci riempie di soddisfazione, e' la nostra 'befana' per i piccoli pazienti dell'Ospedale - afferma Giuseppe Sarnella, Presidente di Confimprese Turismo Italia.

E' la prima volta che una federazione turistica romana promuove un'iniziativa cosi' importante e utile. L'obiettivo e' di coinvolgere tutte le strutture ricettive, dagli alberghi ai bed and breakfast passando per le casa vacanze ai motel. Mi auguro che anche altre realta' associative, private e non, e altre strutture indipendenti possano seguire il nostro esempio dando la loro disponibilita' per questa nobile iniziativa. Auspichiamo che quanti sono interessati possano mettersi in contatto con noi o con l'Associazione Bambino Gesu' Onlus''.

''Il processo di cura dei bambini e i percorsi, spesso lunghi, che portano alla guarigione dei piccoli pazienti sono accompagnati da un elemento fondamentale per il Bambino Gesu': l'accoglienza delle famiglie che vengono da lontano.

Un iter nel quale famiglie stesse e Ospedale stringono una vera e propria alleanza''. Lo sottolinea Luca Benigni, Presidente dell'Associazione Bambino Gesu' Onlus. ''Le cure d'avanguardia proposte dall'Ospedale hanno ampliato l'affluenza dei pazienti da tutto il territorio nazionale e dall'estero. Malgrado la disponibilita' di posti letto per le famiglie in questi anni sia aumentata, grazie ad iniziative meritorie come questa sostenuta da Confimprese, il bisogno di strutture di accoglienza e' ancora molto forte''. Nel 2012 sono stati 25mila i ricoveri dei piccoli pazienti al Bambino Gesu', per un totale di 146mila giornate di ricovero.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Omicidio Scazzi
Omicidio Scazzi, ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano
Mafia
Chieti, operazione antimafia dei Carabinieri: 19 arresti
Roma
Fiumicino "si offre" per stadio Roma: 'Qui tutto ciò che serve'
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione Ros contro cosca Piromalli: 12 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia