sabato 03 dicembre | 08:00
pubblicato il 29/apr/2013 11:06

Sanita': Osservasalute, tagli continui e a pioggia. SSN in pericolo

Sanita': Osservasalute, tagli continui e a pioggia. SSN in pericolo

(ASCA) - Roma, 29 apr - Tagli continui e a pioggia mettono in pericolo il SSN. L'allarme viene lanciato anche dal Rapporto Osservasalute. Il Rapporto sembra confermare una certa efficacia delle iniziative di contenimento della spesa destinata alla salute: anche il 2011, come gia' il 2010, e' stato caratterizzato da una crescita molto contenuta della spesa sanitaria pubblica (+0,1% a parita' di criteri di contabilizzazione) che mantiene l'Italia al di sotto della media dell'Unione Europea sia in termini pro capite, sia in rapporto al PIL; i disavanzi permangono, ma sono ormai ridotti a livelli molto circoscritti, almeno in termini di valori medi nazionali (nel 2011, circa 29Euro pro capite, pari all'1,6% del finanziamento complessivo). Tutto cio' riflette e sintetizza un profondo mutamento negli atteggiamenti delle aziende rispetto ai vincoli economico-finanziari: se in passato i vincoli venivano spesso giudicati irrealistici e non incidevano sugli effettivi comportamenti aziendali, alimentando dei circoli viziosi di generazione e copertura dei disavanzi, oggi gli stessi vincoli sono giudicati pienamente credibili e condizionano fortemente le scelte gestionali. Sotto il profilo degli equilibri economici di breve periodo, l'unico elemento di forte preoccupazione e' la differenziazione interregionale, con risultati economici consolidati positivi in tutte le regioni del Centro-Nord (tranne Liguria) e negativi in tutte le regioni del Centro-Sud (tranne Abruzzo) e con 2 regioni (Lazio e Campania) che, anche nel 2011, hanno generato da sole il 63% dell'intero disavanzo nazionale.

Ma il Rapporto chiarisce: '' gli ulteriori sacrifici richiesti alla Sanita' Pubblica dalla Spending Review non si possono giustificare con una presunta dispendiosita' del Servizio Sanitario Nazionale (SSN), bensi' da un lato, con l'elevato livello del debito pubblico e della correlata spesa per interessi (quest'ultima e' pari a circa i 2/3 dell'intero fabbisogno sanitario nazionale), dall'altro con l'incapacita' del sistema economico di crescere adeguatamente (tanto che l'aumento della spesa sanitaria pubblica, seppur spesso molto contenuto, e' stato negli ultimi 20 anni quasi sempre superiore a quello del PIL).

Il rischio evidente e' che questi ulteriori sacrifici aggravino il divario tra le risorse disponibili e quelle necessarie per rispondere in modo adeguato alle attese, intaccando ulteriormente una copertura pubblica gia' incompleta''. ''Laddove il contenimento dei costi sia ottenuto riducendo i servizi offerti - avverte - si potrebbe generare un impatto negativo di medio periodo sulle condizioni di salute della popolazione, con gravi conseguenze negative anche sul piano economico. Naturalmente, il rischio e' piu' accentuato nelle regioni assoggettate a Piano di Rientro, dove le iniziative di contenimento dei costi sono state piu' intense.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari