domenica 04 dicembre | 01:02
pubblicato il 05/nov/2013 17:59

Sanita': intesa Inps-associazioni su Sla e patologie gravi

Sanita': intesa Inps-associazioni su Sla e patologie gravi

(ASCA) - Roma, 5 nov - Intesa fra Inps e associazioni su Sla e patologie gravi. Lo comunica il sottosegretario alla Salute Paolo Fadda, precisando che il Ministero della salute, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Ministero dell'economia e finanze, hanno concordato una serie di punti con i rappresentanti dell'Inps, dell'Anci, delle associazioni Aisla e Viva. In particolare, l'INPS si e' impegnata a costituire un tavolo tecnico scientifico congiuntamente con le associazioni per la definizione, entro 30 giorni, di linee-guida valutative per i pazienti affetti da SLA e da gravissime patologie, in modo da omogeneizzare la metodologia e i giudizi medico legali su tutto il territorio nazionale. Inoltre l'INPS si e' impegnato nell'ambito dei piani annuali delle verifiche straordinarie sulla permanenza dei requisiti sanitari alla puntuale applicazione del DM del 2 agosto 2007 e a prevedere per le patologie cui il decreto fa riferimento, di ridurre i tempi di attesa delle convocazioni a visita e dell'erogazione delle prestazioni economiche riconosciute, coerentemente con quanto previsto per le patologie oncologiche, condividendo tale percorso accertativo con gli Assessorati regionali alla Salute. Sugli stessi punti il Sottosegretario di Stato alla salute Paolo Fadda si e' impegnato ad elaborare a breve una direttiva per gli Assessorati regionali alla Salute al fine di uniformare tra le singole Regioni la puntuale applicazione della normativa vigente a livello nazionale. E si impegna ad omogeneizzare il sistema di erogazione dei comunicatori per snellire al massimo il procedimento per l'utilizzo delle risorse.

Ribadito l'impegno del Governo ad aumentare le risorse destinate al Fondo per la non autosufficienza gia' previste nella Legge di stabilita' per il 2014.

Dalle Associazioni e' stato richiesto che venga inserito nei LEA il principio della necessita' dell'obbligo della sorveglianza socio-sanitaria sulle 24h , 7 giorni su 7 in regime domiciliare, per i pazienti in fase avanzata di malattia. La prossima convocazione del tavolo e' stata concordata entro il mese di novembre.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari