lunedì 27 febbraio | 22:08
pubblicato il 10/mag/2013 16:56

Sanita': in Calabria avviata telemedicina per pazienti stato vegetativo

Sanita': in Calabria avviata telemedicina per pazienti stato vegetativo

(ASCA) - Catanzaro, 10 mag - Si chiama ''Oberon'' il progetto calabrese che attiva la sperimentazione gestionale per l'assistenza di pazienti cronici in Stato vegetativo e in Stato di minima coscienza attraverso un servizio integrato che prevede l'assistenza di pazienti nella lungodegenza specializzata dell'Istituto S.Anna di Crotone e l'ospedalizzazione a domicilio attraverso sistemi di telemedicina, con un'equipe remota di assistenza domiciliare integrata composta da un medico, un infermiere, un terapista della riabilitazione e una badante.

Il progetto, attivato attraverso un finanziamento del ministero della Salute, vede come soggetto proponente il dipartimento Tutela della salute della Regione Calabria e soggetti attuatori l'Istituto S. Anna di Crotone e l'Azienda sanitaria di Crotone, capofila delle altre Asp della Calabria. Sono attualmente 12 i pazienti cronici che, in vari centri della regione, si giovano del trattamento domiciliare, mentre l'obiettivo e' di arrivare a una cinquantina di posti letto per raggiungere, con l'apporto dei posti letto della lungodegenza del S.Anna, la copertura di 100 posti stimati per il fabbisogno regionale.

L' Istituto S.Anna di Crotone, soggetto privato, e' centro di riferimento per tutti gli ospedali della Calabria per i pazienti che, dimessi dalle unita' di neurochirurgia e rianimazione, che abbiano recuperato la respirazione spontanea, si trovino in stato vegetativo o di minima coscienza. L'Istituto ha accumulato una esperienza clinica notevole in piu' di 15 anni di attivita', tanto da aver raggiunto un alto grado di specializzazione riconosciuto a livello nazionale ed europeo. Hanno illustrato il progetto, a palazzo Alemanni di Catanzaro, sede della Giunta regionale, il presidente della Regione Giuseppe Scopelliti, la vice presidente Antonella Stasi, il dg dell'Asp di Crotone Rocco Nostro, il responsabile scientifico del progetto Giuliano Dolce e il coordinatore di gestione del progetto Rubens Curia. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech