sabato 25 febbraio | 19:10
pubblicato il 28/giu/2013 16:29

Sanita': FIASO, SSN sostenibile con risorse certe e basate su fabbisogno

Sanita': FIASO, SSN sostenibile con risorse certe e basate su fabbisogno

(ASCA) - Roma, 28 giu - Incomprimibilita' del finanziamento al Ssn, ma anche allocamento delle risorse basato sui fabbisogni sanitari reali del territorio e capace di premiare l'efficienza. Una nuova governance sanitaria che garantisca maggiore autonomia alle Aziende ma anche flussi di cassa regolari dallo Stato alle Regioni e da queste ad Asl e Ao. Il tutto condito da proposte per migliorare le procedure d'acquisto e garantire top e middle management sempre piu' qualificati. E' un corposo pacchetto di riflessioni quelle che il Presidente della Federazione di asl e ospedali (FIASO), Valerio Fabio Alberti, ha consegnato alle Commissioni Bilancio e Affari sociali della Camera riunite per l'indagine conoscitiva su ''tutela della salute e obiettivi di finanzia pubblica''.

Il documento - fa sapere - parte da una constatazione: la spesa si e' attestata a quota 110,8 mld di euro facendo registrare per il secondo anno consecutivo una riduzione in termini nominali (pari allo 0,7% contro lo 0,8% dell'anno precedente). Paiono pertanto difficilmente comprimibili ulteriormente i livelli di finanziamento del SSN. Anche perche', gia' cosi' appare ''realistica l'ipotesi che nel 2013 la maggioranza delle Regioni sia sottoposta a Piani di rientro''. Un paradosso, secondo FIASO, ''che equivale a dichiarare l'insostenibilita' del Servizio''. Servono piu' risorse, dunque, ma anche meglio allocate. ''Un sistema di finanziamento, basato sul fabbisogno reale e indirizzato a premiare l'efficienza e l'azione di miglioramento verso gli obiettivi assegnati, puo' risultare - si legge nel documento - un'arma vincente per sostenere un'azione competente e concreta. Utilizzando le banche dati a disposizione, e' possibile integrare programmi noti e diffusi quali 'esiti' di Agenas con indicatori che riescano a far cogliere, con forza e sintesi, il grado di efficienza delle organizzazioni sanitarie''.

Un approccio che per FIASO va non solo sviluppato ma che deve costituire per tutte le regioni/aziende obiettivo irrinunciabile.

Per garantire sostenibilita' ed efficienza al sistema occorre pero' anche rivedere i tre pilastri dell'intera filiera decisionale. A partire da ''un Ministero della Salute forte che riproduca anche ai massimi livelli il concetto corretto di ricerca di un punto di equilibrio tra logiche economiche ed esigenze di tutela della salute'', passando per una Conferenza Stato-Regioni ''garante di un approccio unitario e dinamico rispetto al tema della coesione del SSN e della garanzia dei LEA con un ruolo di efficace regia su tutti gli aspetti regolatori del SSN'' e ricercando ''un diverso posizionamento nel rapporto tra Regioni ed Aziende, che nell'ambito delle attribuzioni regionali preveda una maggiore autonomia delle Aziende''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech