giovedì 23 febbraio | 09:00
pubblicato il 26/giu/2013 20:35

Sanita': Federanziani, Tar Campania ristabilisce diritto a salute

Sanita': Federanziani, Tar Campania ristabilisce diritto a salute

(ASCA) - Roma, 26 giu - ''La Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute e FederAnziani, federazione della terza eta', plaudono al tribunale amministrativo regionale della Campania che in nome del popolo italiano ha ristabilito con sentenza il diritto alla salute falcidiato dal decreto 156/2012 della struttura commissariale regionale pubblicato sul burc n.19 dell'8 aprile 2013. Cosi' Federazniani commenta la decisione del tribunale amministrativo che non giudica incostituzionale la possibilita' di scegliere liberamente il luogo dove curarsi.

Gli anziani italiani, in particolare i residenti della Regione Campania, ''plaudono non solo al contenuto della sentenza, ma soprattutto alla tempestivita' con cui il tribunale ha adottato un provvedimento di annullamento, in meno di 60 giorni, ritenuto da FederAnziani record nazionale, ordinando alla Regione che la sentenza sia eseguita dall'autorita' amministrativa. Infatti secondo il tribunale non emergevano sufficienti ragioni ''costituzionali'' che giustificassero la restrizione del diritto alla salute protetto dall'art. 32, incidendo irragionevolmente sulla liberta' di scelta del luogo di cura, senza perseguire gli obiettivi di contenimento della spesa pubblica. Inoltre le limitazioni imposte dal decreto in questione risultavano discriminanti rispetto alle sole Regioni a cui si applicava, ovvero quelle limitrofe alla Campania. Infine, i ritardi registrati nella composizione delle commissioni che avrebbero dovuto rilasciare il ''nulla osta'', rischiavano di costituire un ulteriore aggravio ai danni dei cittadini''.

''Sempre di piu''', dichiara il Presidente di FederAnziani Roberto Messina in rappresentanza della Corte di Giustizia Popolare per il Diritto alla Salute, ''ci troviamo di fronte a regole certe (costituzionali) vessate da regole locali che vengono imposte senza alcun fondamento di diritto, e sempre di piu' l'impegno di FederAnziani e' volto a difendere il diritto alla salute cosi' come sancito dalla Carta Costituzionale''.

''Non a caso'', conclude il Presidente Messina, ''lo staff di FederAnziani, attraverso l'informazione che viene dagli oltre 3 milioni di aderenti alla federazione, vigila e vigilera' sempre di piu' su ogni provvedimento delle Regioni, Asl, Asp, a tutela non solo degli aderenti a FederAnziani ma di tutti i cittadini italiani''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech