domenica 22 gennaio | 00:37
pubblicato il 11/dic/2013 15:35

Sanita': Federanziani, aumentati sprechi e diminuiti servizi

Sanita': Federanziani, aumentati sprechi e diminuiti servizi

(ASCA) - Roma, 11 dic - ''Il governo dovrebbe astenersi dal prendere in considerazione le richieste delle regioni nell'assegnazione di altre risorse in ambito sanitario ma procedere speditamente verso il commissariamento delle stesse, che continuano a sprecare denaro dei cittadini e a calpestare quotidianamente il diritto alla cura sancito dalla carta costituzionale''.

Lo ha detto - riferisce una nota - di Roberto Messina, presidente di FederAnziani, commentando i principali dati del Compendio Sic Sanita' in Cifre 2012, l'annuale ricerca del centro studi Sic di FederAnziani che fotografa costi e spese del Ssn.

Ne e' emerso che a fronte di un calo della popolazione, la popolazione over 65 e' passata da 20.2% nel 2009 a 20.6% nel 2010.

Diminuiscono le giornate di degenza passando da 73 milioni circa nel 2009 a 69 milioni circa nel circa nel 2011, un decremento di circa il 5,55% (pari a circa 4milioni di giornate di degenza in meno), mentre i dipendenti del Ssn aumentano di 7.000 unita'. La spesa farmaceutica totale, tra privata e pubblica, e' pari a 25.5 miliardi di euro, il Ssn ne rimborsa il 76% ai cittadini, ma le ricette aumentano, negli ultimi 4 anni ci sono state oltre 21 milioni di prescrizioni in piu', arrivando alla stratosferica quota di 593 milioni di ricette nel solo 2012. Ogni cittadino ha ritirato in farmacia circa 18 confezioni di medicinali a carico del Ssn. Aumenta la spesa privata di consumo farmaceutico territoriale dal 2009 al 2012, passando da 6,122 a 6,160 miliardi di euro, quasi 500milioni di euro, toccando il picco nel 2011 con 6,346 miliardi di euro. Nel 2012 il consumo di farmaci a brevetto scaduto ha rappresentato il 62% dei consumi in regime di assistenza convenzionata.

''La federazione della terza eta' - afferma il presidente di FederAnziani - e' convinta che il nemico numero uno dei cittadini in ambito sanitario siano esclusivamente gli sprechi e le inefficienze delle regione che, con ogni forza fanno di tutto per danneggiare con cura e dovizia il diritto alle cure, l'accesso ai farmaci, ai medical device, alle migliori terapie per i pazienti'', conclude Messina.

com-stt/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4