lunedì 20 febbraio | 07:53
pubblicato il 11/dic/2013 15:35

Sanita': Federanziani, aumentati sprechi e diminuiti servizi

Sanita': Federanziani, aumentati sprechi e diminuiti servizi

(ASCA) - Roma, 11 dic - ''Il governo dovrebbe astenersi dal prendere in considerazione le richieste delle regioni nell'assegnazione di altre risorse in ambito sanitario ma procedere speditamente verso il commissariamento delle stesse, che continuano a sprecare denaro dei cittadini e a calpestare quotidianamente il diritto alla cura sancito dalla carta costituzionale''.

Lo ha detto - riferisce una nota - di Roberto Messina, presidente di FederAnziani, commentando i principali dati del Compendio Sic Sanita' in Cifre 2012, l'annuale ricerca del centro studi Sic di FederAnziani che fotografa costi e spese del Ssn.

Ne e' emerso che a fronte di un calo della popolazione, la popolazione over 65 e' passata da 20.2% nel 2009 a 20.6% nel 2010.

Diminuiscono le giornate di degenza passando da 73 milioni circa nel 2009 a 69 milioni circa nel circa nel 2011, un decremento di circa il 5,55% (pari a circa 4milioni di giornate di degenza in meno), mentre i dipendenti del Ssn aumentano di 7.000 unita'. La spesa farmaceutica totale, tra privata e pubblica, e' pari a 25.5 miliardi di euro, il Ssn ne rimborsa il 76% ai cittadini, ma le ricette aumentano, negli ultimi 4 anni ci sono state oltre 21 milioni di prescrizioni in piu', arrivando alla stratosferica quota di 593 milioni di ricette nel solo 2012. Ogni cittadino ha ritirato in farmacia circa 18 confezioni di medicinali a carico del Ssn. Aumenta la spesa privata di consumo farmaceutico territoriale dal 2009 al 2012, passando da 6,122 a 6,160 miliardi di euro, quasi 500milioni di euro, toccando il picco nel 2011 con 6,346 miliardi di euro. Nel 2012 il consumo di farmaci a brevetto scaduto ha rappresentato il 62% dei consumi in regime di assistenza convenzionata.

''La federazione della terza eta' - afferma il presidente di FederAnziani - e' convinta che il nemico numero uno dei cittadini in ambito sanitario siano esclusivamente gli sprechi e le inefficienze delle regione che, con ogni forza fanno di tutto per danneggiare con cura e dovizia il diritto alle cure, l'accesso ai farmaci, ai medical device, alle migliori terapie per i pazienti'', conclude Messina.

com-stt/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
A Norcia consegnate le chiavi delle prime casette post-sisma
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia