sabato 21 gennaio | 03:13
pubblicato il 03/dic/2013 16:31

Sanita': Curarsi anche all'estero, ecco cosa cambia con nuove norme Ue

Sanita': Curarsi anche all'estero, ecco cosa cambia con nuove norme Ue

(ASCA) - Roma, 3 dic - Unione Europea senza frontiere per la liberta' di cura. E' quanto stabilisce la direttiva 2011/24, la cosiddetta 'Schengen della Sanita'', che il nostro Paese recepisce con il decreto legislativo licenziato oggi dal Consiglio dei Ministri. Un primo passo verso la definitiva entrata in vigore delle norme, presumibilmente a fine febbraio/marzo, al termine dell'iter previsto dalla legge.

Molte le novita' per i pazienti, che potranno decidere di effettuare oltre frontiera interventi chirurgici, cure, ma anche esami diagnostici e consulenze. A patto che siano presso strutture pubbliche e che le stesse prestazioni siano previste dai LEA, i Livelli Essenziali di Assistenza nel nostro Paese, ferma restando la possibilita' per le Regioni di rimborsare ''con risorse proprie, eventuali livelli di assistenza regionali ulteriori''. I costi per le cure all'estero saranno in ogni caso anticipati dal paziente e il rimborso sara' erogato secondo le tariffe vigenti. I costi eccedenti saranno a carico del paziente. Ma, ancora una volta le Regioni, avranno la possibilita' di decidere di rimborsarli. Il paziente dovra' chiedere il rimborso alla propria Asl entro 60 giorni dall'erogazione della prestazione e la ASL dovra' corrisponderlo entro 60 giorni dal ricevimento della richiesta. In alcuni casi sara' necessario richiedere un'autorizzazione (''in caso di ricovero per almeno una notte'', ''nei casi in cui e' richiesto l'utilizzo di una struttura o apparecchiature mediche altamente specializzate e costose'' e ''quando l'assistenza e' prestata da un soggetto sanitario che suscita preoccupazioni in merito a qualita' e sicurezza'') che potra' essere rifiutata dalla Asl - entro 30 giorni - se ''il paziente sara' esposto a un rischio per la sua sicurezza ritenuto inaccettabile'', ma anche se ''l'assistenza puo' essere erogata sul proprio territorio entro un termine giustificabile dal punto di vista clinico''.

Prevista anche la possibilita', per esigenze di risparmio, di limitare l'accesso alle cure. Tutte le informazioni utili saranno fornite da un Punto di contatto nazionale istituito presso il Ministero della Salute - ma anche le Regioni potranno attivare Punti di contatto a livello locale - mentre il ''Portale del Ministero della salute'' sara' lo strumento per pubblicizzare la disciplina d'accesso all'assistenza sanitaria transfrontaliera e promuovere la cooperazione con gli altri Stati membri dell'Unione Europea in materia di assistenza sanitaria''.

Previste garanzie per i pazienti, sia che si rechino all'estero, sia che vengano dall'estero a curarsi in Italia, anche sotto il profilo delle tariffe, che dovranno essere le stesse applicate ai pazienti nazionali. E sara' possibile accedere alla propria cartella clinica elettronica.

Vengono riconosciute le prescrizioni, fatte in un altro Stato membro, di farmaci che saranno dispensati sul territorio italiano conformemente alle norme vigenti, ''salvo che non sussistano fondate esigenze di tutela della salute umana o dubbi legittimi e giustificati circa l'autenticita', il contenuto o la comprensibilita' di una singola prescrizione''. La norma non pregiudica comunque le norme nazionali compresa quella in materia di sostituzione con medicinali generici. Inoltre ''il riconoscimento di una prescrizione non pregiudica il diritto del farmacista, ove previsto dalla normativa vigente, di rifiutarsi, per ragioni etiche, di dispensare il medicinale prescritto''.

Il decreto regolamenta inoltre la cooperazione fra Stati membri in materia sanitaria, sia per quanto riguarda lo sviluppo delle reti di riferimento europee ''ERN'' tra prestatori di assistenza sanitaria e centri di eccellenza dell'Ue; sia per uno scambio di conoscenze, informazioni e dati in tema di malattie rare; sia in materia di mutua assistenza agli Stati membri dell'Ue.

mpd/sat

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Hotel Rigopiano, estratte mamma e bimbo: in ospedale, stanno bene
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Maltempo
Valanga Rigopiano, Soccorso alpino: trovati vivi 6 dispersi
Maltempo
Maltempo, vigili fuoco: in contatto con una donna e due bambini
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4