giovedì 23 febbraio | 06:29
pubblicato il 22/gen/2013 19:06

Sanita': Comm.Errori, medicina difensiva costa 10 mld a SSN. E crescera'

Sanita': Comm.Errori, medicina difensiva costa 10 mld a SSN. E crescera'

(ASCA) - Roma, 22 gen - Medicina difensiva che pesa come un macigno sul Servizio Sanitario Nazionale: 10 miliardi di euro il costo attuale stimato ma con un trend in continuo aumento.

Lo rivelano i dati della Relazione conclusiva presentata oggi dalla Commissione Errori e Disavanzi sanitari, guidata da Antonio Palagiano, che sottolineano come ''le numerose accuse dei pazienti che si ritengono danneggiati inducano diversi medici ad attuare una 'strategia' utile a scongiurare la possibilita' di mettere a rischio la propria professione.

Al fine di sollevarsi dalla rivendicazione di una possibile responsabilita', l'operatore tendera' a seguire pedissequamente protocolli e linee-guida, prescrivendo esami diagnostici o ricoveri quando siano astrattamente previsti per quel dubbio diagnostico o per quella patologia, e non quanto siano realmente necessari''.

Nel decennio 1995-2005 - segnala ancora la relazione - la spesa sanitaria corrente complessiva e' quasi raddoppiata, passando da 48.136 a 92.804 milioni di euro. Anche se la spesa del 2011, pari a 112.039 milioni di euro, ovvero il 7,1% del PIL, e' diminuita di circa 700 milioni di euro rispetto a quella dell'anno prima (pari a 0,6%), essa e' tuttavia destinata ad aumentare del 2,2% secondo la previsione di spesa per il 2012. A pesare sulla spesa non solo e non tanto l'organizzazione dei posti letto, sui quali negli ultimi mesi tanto si sta intervenendo, soprattutto nelle regioni sottoposte a commissariamento, quanto capitoli di spesa come la medicina difensiva, appunto, e l'organizzazione del sistema assicurativo delle aziende sanitarie. Alto, inoltre, il livello delle spese per il personale, specie nelle regioni sottoposte a piano di rientro. Con una rilevante differenza nel numero di dipendenti medici ogni 10 posti letto effettivi secondo l'area geografica: numero che aumenta in maniera spropositata andando da nord a sud, in maniera tale che la Sicilia evidenzia un numero di medici ogni 10 posti letto, che e' il doppio di quelli utilizzati nel Friuli Venezia Giulia o nelle Marche. Un paese dunque, l'Italia, che non riesce a garantire a tutti i cittadini pari accesso alle cure e che in prospettiva sembra sempre piu' in difficolta' nell'adempimento di tale compito. A destare preoccupazione sono, ad esempio, gli scarsi investimenti in cura delle malattie croniche. Secondo i dati ISTAT piu' recenti (2011) ben il 28,9% della popolazione - oltre 17 milioni di persone, quasi un italiano su tre - e' affetto da una malattia cronica (diabete, ipertensione, osteoporosi, artrosi-artrite, malattie del cuore, malattie allergiche, disturbi nervosi). Ma, se lo sviluppo della medicina ha allungato la vita dei malati cronici, cio' tuttavia non si traduce necessariamente in un miglioramento del loro stato di salute. Secondo l'Istat (dati 2011) in Italia la speranza di vita e' pari a 79,4 anni per i maschi e a 84,5 anni per le femmine e nel 2065 arrivera' a 87,7 anni per gli uomini e 91,5 per le donne. ''A fronte di questa realta' - osserva la Commissione - e' preoccupante che, sebbene il Piano Sanitario Nazionale 2011-2013 registri i relativi cambiamenti della domanda di salute, la situazione attuale sembri assai lontana, anche in prospettiva, dal garantire risposte adeguate: attualmente, infatti, le risorse destinate all'assistenza a lungo termine sono inferiori all'1% del PIL, e nel 2030 non supereranno comunque l'1%''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Vaticano
Vaticano: sorveglieremo per evitare abusi di simboli Santa Sede
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Mafia
Summit mafiosi per spartire racket, 14 arresti a Lamezia Terme
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech