sabato 03 dicembre | 12:59
pubblicato il 04/gen/2013 12:35

Sanita': Anaao Assomed, con politica tagli a rischio diritto salute

(ASCA) - Roma, 4 gen - ''Come una stanca litania il documento 'Analisi di un anno di governo' pubblicato sul sito dell'Esecutivo, nella parte dedicata alla Sanita' ripete di avere operato senza conseguenze negative sull'erogazione dei servizi ai cittadini. Una sorta di mantra ripetuto ossessivamente che tradisce la falsa coscienza di un equilibrismo verbale che ha distorto i vocaboli trasformando razionamento in razionalizzazione e tagli in miglioramento''.

Lo denuncia, in una nota, l'Anaao Assomed, associazione dei medici dirigenti. ''E' successo con la cosiddetta spending review - prosegue l'Anaao -, si e' ripetuto con il regolamento sugli standard ospedalieri e per l'aggiornamento dei Lea che rischiano di rimanere bloccati dalla mancanza di fondi. La realta' e' che i provvedimenti finanziari adottati prima da Tremonti poi da Monti, dal 2010 ad oggi, hanno prodotto nel settore sanitario una riduzione del finanziamento considerata insostenibile dalla stessa Conferenza delle Regioni. La politica dei tagli, delle tasse e dei ticket sta restringendo l'offerta sanitaria pubblica rendendo sempre piu' difficile l'esigibilita' di un diritto tutelato costituzionalmente attraverso misure di razionamento sia esplicito (taglio dei servizi e blocco del turnover) sia implicito (aumento importante della partecipazione dei cittadini alla spesa, prolungamento delle liste d'attesa). E' l'universalismo del Ssn che e' messo pesantemente in gioco. E lo stesso Presidente Napolitano durante uno degli ultimi interventi pubblici ha sollecitato 'attenzione e cura per il Servizio Sanitario Nazionale per non venir meno a una funzione irrinunciabile sancita in Costituzione'''.

''La distruzione o privatizzazione del Ssn - conclude - avrebbe conseguenze nefaste non solo sui livelli di salute della popolazione ma sull'intera economia, obbligando i cittadini a sottrarre ai consumi una parte maggiore delle risorse a loro disposizione per potersi garantire in caso di necessita' l'accesso alle cure. La questione del finanziamento del Ssn e' profondamente politica, prima che tecnica, e la scelta del modello di Welfare sanitario interessa la nostra concezione di democrazia, la stessa idea di societa', di comunita', di coesione sociale. Tocca ai partiti nel momento in cui chiedono il voto esplicitare politiche, programmi e candidati sui quali misurare il consenso dei cittadini e l'Anaao Assomed non consentira' che questo nodo venga eluso''.

com/map

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari