venerdì 09 dicembre | 10:52
pubblicato il 10/dic/2013 11:01

Sanita': Aiop, 5 mln famiglie hanno rinunciato a curarsi nel 2013

Sanita': Aiop, 5 mln famiglie hanno rinunciato a curarsi nel 2013

(ASCA) - Roma, 10 dic - Pazienti sempre piu' in difficolta' con spese sempre maggiori e sempre piu' limitazioni dell'accesso a diverse prestazioni. Quest'anno l'11mo Rapporto AIOP Ospedali & Salute, presentato oggi a Roma alla presenza del Ministro Beatrice Lorenzin, si sofferma sulle dinamiche che interessano il paziente e la sua famiglia, tenendo conto di dati approfonditi anche da un'apposita indagine su 2.000 'caregiver', coloro cioe' che nell'ambito familiare si prendono cura dei congiunti, soprattutto non autosufficienti.

L'intervento economico prolungato sulla spesa pubblica ha portato e sta portando a una stretta progressiva sul fronte dei pazienti che assume aspetti molteplici: la lievitazione dei ticket sanitari (22% dal 2009 al 2012) per la diagnostica e le visite specialistiche, l'aumento dei ticket dei farmaci (63% dal 2009 al 2012), l'incremento del ricorso al pagamento delle prestazioni intramoenia (51% dal 2011 al 2012), la lievitazione delle addizionali IRPEF regionali (dal 2009 al 2012 ha toccato punte del 77%). Dall'indagine svolta sui caregiver, si e' marcatamente notato che accanto all'appesantimento oggettivo della spesa sanitaria sostenuta dai pazienti e dalle loro famiglie, esiste anche una percezione soggettiva del sovraccarico dell'assistenza, derivante dalle cure prestate alla famiglia ristretta, rappresentata dalle persone conviventi (coniuge, figli, ecc.) e contemporaneamente alla famiglia allargata rappresentata da persone non conviventi (come genitori, suoceri, fratelli, ecc.). Basti pensare che nell'ultimo anno 5,5 milioni di famiglie hanno rinunciato o rimandato le cure dentarie, 4,7 milioni di famiglie hanno rimandato o rinunciato a visite specialistiche e 2,9 milioni di famiglie hanno rimandato o rinunciato a esami di laboratorio. ''E' evidente il lento processo di erosione del nostro sistema sanita' - evidenzia l'Aiop - un sistema che rappresenta un patrimonio non solo in termini strutturali, ma anche in termini di servizi e professionalita' che operano nel complesso ospedaliero, a cui si aggiunge l'insieme di dotazioni e attivita' nel campo scientifico e tecnologico. E' bene ricordare che esso e' infatti costituito contemporaneamente da: 211.000 posti letto (70% ospedali pubblici, 30% ospedali privati accreditati), 1.125 strutture ospedaliere che producono 67,9 milioni di giornate di degenza, 650.000 addetti e da 14 milioni di pazienti che ogni anno entrano in una struttura ospedaliera, insieme ai parenti e agli accompagnatori. Con una spesa ospedaliera pubblica pari a 61,6 miliardi di euro, in un quadro generale di spesa sanitaria che risulta la piu' bassa (7% del PIL), rispetto alla media dei paesi OCSE (7.8% del PIL) e dei paesi G7 (8% del PIL), diventa sempre piu' difficile sostenere il sistema e purtroppo, l'idea che le inefficienze sanitarie delle Regioni si possano affrontare riducendo il flusso di denaro resta radicata, al punto che il Documento di Economia e Finanza 2013 ipotizza una discesa della spesa sanitaria pubblica dal 7,1% del PIL del 2012, al 6.7% del PIL nel 2017. A queste condizioni - avverte il Rapporto - il livello tecnologico e qualitativo della sanita' italiana non avrebbe alcuna possibilita' di confrontarsi con quello dei paesi dell'Europa dei 15''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Roma
Trovato a Roma cadavere,potrebbe essere giovane cinese scomparsa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina