mercoledì 18 gennaio | 19:23
pubblicato il 19/set/2013 17:42

Sanita': 18,3% dei parti da madri straniere. Oltre 25% nel centro-nord

Sanita': 18,3% dei parti da madri straniere. Oltre 25% nel centro-nord

(ASCA) - Roma, 19 set - In Italia il 18,3% dei parti e' relativo a madri di cittadinanza non italiana, prevalenti nel centro-nord. Lo attesta il nono Rapporto sull'evento nascita in Italia, pubblicato oggi sul sito del ministero della Salute (www.salute.gov.it), che presenta le analisi dei dati rilevati per l'anno 2010 dal flusso informativo del Certificato di assistenza al parto (Cedap). Nello specifico, nel centro-nord oltre il 25% dei parti avviene da madri non italiane: in Emilia Romagna e Lombardia, quasi il 28% delle nascite e' riferito a madri straniere. Le aree geografiche di provenienza piu' rappresentative, sono quella dell'Africa (26,9%) e dell'Unione europea (25,5%). Le madri di origine asiatica e sud americana sono rispettivamente il 18,4% e l'8,6% di quelle non italiane. com-stt/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina