giovedì 08 dicembre | 15:13
pubblicato il 14/feb/2014 09:38

San Valentino: Coldiretti, 1 su 4 regala fiori. La maggioranza niente

San Valentino: Coldiretti, 1 su 4 regala fiori. La maggioranza niente

(ASCA) - Roma, 14 feb 2014 - Quasi un innamorato su quattro (23 per cento) regala fiori che si confermano come l'omaggio preferito in questo San Valentino di crisi in cui oltre la meta' (55 per cento) non regala niente. E' quanto emerge dai risultati del sondaggio condotto dal sito www.coldiretti.it dal quale si evidenzia che una minoranza del 9 per cento regala cioccolatini o agli altri dolciumi, l'8 ai profumi o gioielli e il 5 per cento capi di abbigliamento. Nonostante le difficolta' economiche l'omaggio floreale resiste e - sottolinea la Coldiretti - si conferma simbolo della festa degli innamorati con una stima di almeno 12 milioni di fiori acquistati e la tendenza a diversificare puntando oltre alle rose su primule, bulbose azalee e orchidee, meglio se italiane. I fiori italiani infatti - afferma la Coldiretti - sono senza dubbio i piu' profumati, non solo perche' non devono affrontare lunghi tempi di viaggio che fanno arrivare quelli stranieri meno freschi alla meta, ma anche perche' molti produttori nazionali sono impegnati a selezionare varieta' che presentano aromi piu' intensi e caratteristici.

I fiori vincono perche' - precisa la Coldiretti - permettono di esprimere, con classe, fantasia e prezzi ragionevoli, i propri sentimenti senza intaccare sensibilmente il proprio bilancio, e sono piu' graditi dei cioccolatini che rischiano di compromettere il duro ''lavoro'' di queste settimane per tornare in forma dopo le festivita' natalizie, in attesa della prova costume. Resiste pero' la cena di coppia, magari secondo Terranostra da consumare a casa o negli agriturismi per contenere i costi e garantirsi maggiore privacy, ma senza far mancare particolari ''piccanti''. La tendenza - continua la Coldiretti - e' quella di arricchire i menu con ingredienti che secondo la tradizione popolare hanno straordinari poteri stimolanti, in alcuni casi addirittura confermati da prove scientifiche, dal piu' noto peperoncino al sedano, ma anche finocchietto selvatico o pistacchio di Bronte. Ogni regione ha la sua ricetta come in Puglia con il cinipi, verdura simile alla cima di rapa, incrocio tra cicoria e asparago, e il verru'ch, insalata verde leggermente amarognola. Per avere Cupido come alleato - continua la Coldiretti - c'e' anche chi tenta con il brodo di giuggiole, un liquore dolce ottenuto per infusione dei piccoli frutti del giuggiolo, una pianta molto diffusa nei cortili del Veneto e della Romagna. E per i piu'... coraggiosi - conclude la Coldiretti - anche i tradizionali aglio e cipolla che sono considerati alternativa naturale al viagra di cui contengono componenti simili al principio attivo secondo alcuni studi.

res/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni