venerdì 02 dicembre | 21:41
pubblicato il 02/gen/2012 08:08

San Raffaele/ Funerali Don Verzè in chiesa S. Giorgio a Illasi

Mentre per l'acquisto del San Raffaele offerti 305 milioni

San Raffaele/ Funerali Don Verzè in chiesa S. Giorgio a Illasi

Milano, 2 gen. (askanews) - Il funerale di don Luigi Maria Verzé si svolgerà oggi a Illasi, nel Veronese, nella chiesa parrocchiale di San Giorgio, alle 14.30; le esequie saranno officiate dal monsignor Giuseppe Zenti, Vescovo di Verona. E' previsto inoltre un momento pubblico per rendere l'ultimo omaggio al fondatore del San Raffaele: il feretro sarà esposto stamattina dalle 9.30 alle 11.30, presso il Ciborio del Dibit2, via Olgettina 60. Il fondatore del San Raffaele è morto a 91 anni per una crisi cardiaca dovuta, secondo il suo portavoce, "allo stress" a cui era sottoposto per la profonda crisi finanziaria dell'ospedale da lui fondato, per il quale era sotto inchiesta giudiziaria per concorso in bancarotta. Ed è scomparso proprio nel giorno in cui scadeva il termine per la presentazione delle offerte per rilevare la struttura sanitaria ed evitarne il crac. Grande amico di Silvio Berlusconi e prima ancora di Bettino Craxi, Don Verzè è stato acclamato come un benefattore che ha concentrato i suoi sforzi attorno alla creazione di una struttura ospedaliera di primissimo piano, fiore all'occhiello della ricerca sanitaria del Paese; dai critici vengono sottolineate le sue vicissitudini giudiziarie, le disinvolte frequentazioni con i potenti (e con i servizi segreti), le manie di grandezza che a volte lo avrebbero portato a "spese folli". La figura del prete-imprenditore, che almeno in un'occasione si è detto favorevole all'eutanasia, è in ogni caso considerata un complesso mix tra uomo di fede, concreto visionario e strenuo promotore della ricerca scientifica. La sua morte è giunta dopo il suicidio, il 20 luglio scorso, del suo braccio destro, Mario Cal, all'indomani dello scoppio della crisi finanziaria, un debito di 1,5 miliardi di euro, della Fondazione Monte Tabor, presieduta da Don Verzè, che guida l'ospedale San Raffaele. Cal era accusato dai pm di essere tra i promotori dell' "associazione a delinquere" per la quale sono tuttora accusati anche l'ex direttore finanziario della struttura Mario Valsecchi e l'intermediario Pierluigi Daccò. Per l'acquisto del San Raffaele si è fatto avanti con un'offerta di 305 milioni il gruppo San Donato, che fa capo a Giuseppe Rotelli, protagonista della sanità lombarda. Resta alla finestra per ora il gruppo Humanitas, che ha tempo fino al 5 gennaio per partecipare alla gara, decisa dai giudici per tutelare il più possibile i creditori, e per la quale sono consentiti rilanci per 50 milioni. E intanto sulla morte di don Verzè circola qualche dubbio: la guardia di finanza di Milano avrebbe acquisito la sua cartella clinica. E "Chi ha portato il caffè corretto a Don Verzè?" si è chiesto Beppe Grillo sul suo blog.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari