domenica 04 dicembre | 01:44
pubblicato il 26/apr/2012 17:46

San Raffaele/ Cassazione:No gravi indizi su consapevolezza Daccò

Motivi annullamento ordine custodia per bancarotta

San Raffaele/ Cassazione:No gravi indizi su consapevolezza Daccò

Milano, 26 apr. (askanews) - Manca la prova che Daccò fosse consapevole dello stato di dissesto del San Raffaele poi approdato al concordato preventivo. E' questa la motivazione con cui la Cassazione ha annullato la misura cautelare del carcere per Pierangelo Daccò accusato di bancarotta. Per la Suprema Corte "l'aspetto non risulta concretamente sviluppato dai giudici di merito". Il problema è l'esistenza del dolo del concorrente estraneo nell'ambito del reato di bancarotta per distrazione. "Occorre che non si posta in dubbio la sua conoscenza dello stato di decozione dell'impresa da cui il denaro proviene" scrivono i giudici. Non si sono gravi indizi su Daccò in relazione alla "consapevole ed ingiustificata esposizione a repentaglio delle ragioni de creditori". La misura cautelare è stata annullata con rinvio in relazione alla motivazione. Adesso il gip Vincenzo Tutinelli dovrà rifare il provvedimento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari