lunedì 05 dicembre | 10:24
pubblicato il 16/lug/2012 18:05

Salvatore Borsellino: Napolitano attenta Costituzione- VideoDoc

"Azione di uomo disperato che teme vengano fuori intercettazioni"

Salvatore Borsellino: Napolitano attenta Costituzione- VideoDoc

Palermo, (askanews) - "Un vero e proprio attentato alla Costituzione da parte del capo dello Stato e di conseguenza di una sua messa in stato d'accusa". Così Salvatore Borsellino, fratello di Paolo, commenta la decisione del Quirinale di sollevare il conflitto d'attribuzione nei confronti della Procura di Palermo davanti alla Corte costituzionale. "Per quel che ne so, il presidente della Repubblica non ha nessuna prerogativa su indagini giudiziarie della magistratura, che è un organo libero, e non può intervenire sulle sue azioni. E' un'iniziativa contro quella Procura che sta cercando di far luce su quanto è successo, e ha portato alla strage del 19 luglio 1992". Per Borsellino, la decisione di Giorgio Napolitano "si tratta di una reazione di un uomo disperato che sa, che se venissero rese pubbliche quelle intercettazioni, non avrebbe che una possibilità: dimettersi".

Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari