giovedì 19 gennaio | 02:03
pubblicato il 05/feb/2013 20:42

Salute/Minori: pediatri, nell'affido condiviso favorire bigenitorialita'

Salute/Minori: pediatri, nell'affido condiviso favorire bigenitorialita'

(ASCA) - Roma, 5 feb - In Italia i figli di genitori separati trascorrono, nell'81,1% dei casi, la loro quotidianita' con uno solo dei genitori (di solito la figura materna) e solo nel 18,9% con entrambi i genitori. Anche se l'affidamento avrebbe dovuto essere ''condiviso'', come stabilito da una legge in materia entrata in vigore da sei anni ma che nel nostro Paese non ha ancora trovato piena applicazione. Se ne e' discusso oggi al Senato, durante il Convegno ''Affrontare la crisi della famiglia nel nome dei figli'' a cui hanno partecipato numerosi esponenti del mondo politico, giuridico e scientifico in un confronto aperto con genitori, nonni e figli. Fra i punti focali dell'incontro, la relazione di Vittorio Vezzetti, pediatra che da anni studia il tema dell'affido condiviso. L'autore del libro sulla giustizia minorile ''Nel nome dei figli'', ha esaminato, raccolto, riassunto e integrato le piu' importanti ricerche scientifiche internazionali con validazione statistica relative all'importanza dell'affidamento condiviso. Le conclusioni, pubblicate in un articolo pubblicato sulla Rivista Scientifica della Societa' di Pediatria Preventiva e Sociale, inducono a considerare inequivocabilmente gli effetti benefici della bigenitorialita', anche se questo comporta la soluzione del doppio domicilio per i figli di coppie separate''.

''La custodia condivisa migliora lo status psichico e fisico dei figli - ha sottolineato Piercarlo Salari, Pediatra Consultorio Familiare Milano e Componente SIPPS - come dimostrano i risultati congiunti di numerose e affidabili ricerche scientifiche, il coinvolgimento di entrambi i genitori nella crescita del figlio migliora lo sviluppo cognitivo, riduce i problemi di carattere psicologico, riduce l'insorgenza di problemi comportamentali nell'eta' adolescenziale''. Salari, inoltre, ha espresso la necessita' del Pediatra di affrontare le problematiche relazionali e familiari, attraverso l'ascolto ed il dialogo dei genitori dei propri pazienti, per informarli sull'importanza della continuita' di riferimenti educativi e relazionali, anche al fine di migliorare la qualita' del rapporto medico-paziente.

Il principio di bigenitorialita' - spiuegano meglio i pediatri - e' il principio etico in base al quale un bambino ha una legittima aspirazione, ovvero una legittimo diritto a mantenere un rapporto stabile con entrambi i genitori, anche nel caso questi siano separati o divorziati , ogni qual volta non esistano impedimenti che giustifichino l'allontanamento di un genitore dal proprio figlio.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina