sabato 25 febbraio | 22:28
pubblicato il 09/feb/2012 09:35

Salute/In Toscana censite 800 protesi all'anca a rischio cobalto

Sono le protesi DePuy, tolte dal commercio nell'agosto 2010

Salute/In Toscana censite 800 protesi all'anca a rischio cobalto

Firenze, 9 feb. (askanews) - Protesi all'anca a rischio cobalto: sono 800 i pazienti toscani cui sono stati impiantati all'anca gli apparecchi poi riconosciuti difettosi, e pericolosi per la salute, dell'azienda inglese DePuy. Per tutti gli 800 pazienti, si rende necessario un controllo, per verificare che l'organismo non sia stato in qualche modo contaminato dagli ioni di cobalto e cromo che, a causa di uno scollamento tra le parti, possono essere rilasciati dalle protesi. Sulla vicenda, già oggetto di un'inchiesta di 'Striscia la Notizia', torna 'Il Tirreno' di oggi. Dal 24 agosto 2010 è stata la stessa società a smettere di commercializzare le protesi, dopo il riscontro delle prime anomalie. Ma, nonostante le ripetute segnalazioni del Ministero della Salute, sembra che poco sia stato fatto per informare i pazienti interessati. I problemi accertati relativi alla protesi di rivestimento Asr riguarda solo quelle che hanno il sistema acetabolare Asr Xl. La prima ad accorgersene fu la stessa DePuy che provvide ad informare le autorità sanitarie dei Paesi dove il prodotto veniva commercializzato a partire dal 2004. In Italia ne sono stati venduti oltre 4500, di questi, al momento, ne risulta impiegati 808 in Toscana. Il protocollo adottato dalle Asl, su indicazione del Ministero della Salute, prevede che tutti i pazienti che sono stati sottoposti ad impianto con protesi all'anca del modello Asr DePuy debbano essere contattati, informati dell'accaduto e avviati verso un programma di controllo protratto nel tempo che prevede visite ortopediche, esami radiografici e, nel caso lo si ritenga necessario, anche a prelievi del sangue per accertare l'eventuale presenza di cobalto o altri metalli che potrebbero creare danni all'organismo. Il rilascio di queste sostanze è molto lento e per questo il periodo di osservazione dura cinque anni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta temporali su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia
Roma
Spari davanti a discoteca di Roma: un fermato e un denunciato
Terrorismo
Isis, espulsi 2 tunisini: uno era tra i contatti di Amri
Papa
Papa ai parroci: siate vicini ai giovani che scelgono di convivere
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech