lunedì 27 febbraio | 18:21
pubblicato il 24/set/2013 16:30

Salute:Altroconsumo,batteri resistenti antibiotici in 84% carne pollo

(ASCA) - Roma, 24 set - Allarme Altroconsumo. ''Alcuni batteri possono sviluppare un pericoloso meccanismo di resistenza agli antibiotici, usati in quantita' massicce anche negli allevamenti di animali. Con la diffusione di batteri resistenti, percorrendo la catena alimentare dagli allevamenti sino alla tavola, il rischio e' che gli antibiotici perdano il loro effetto curativo anche negli uomini. I risultati dell'inchiesta di Altroconsumo dimostrano la gravita' del fenomeno nel settore''.

Sono stati infatti analizzati a livello europeo 250 campioni di petti di pollo per valutare la presenza di batteri (famiglia Enterobatteriacea) piu' inclini di altri a sviluppare un meccanismo di resistenza agli antibiotici.

Trovati E. Coli resistenti nell'84% dei 45 campioni comprati in Italia, a Milano e a Roma.

I risultati sono stati segnalati i risultati al ministero della Salute.

In seguito al trattamento degli animali con antibiotici, usati per cura delle malattie, i batteri che vivono nel loro tratto gastrointestinale possono diventare resistenti al farmaco e contaminare il cibo e l'ambiente. Non necessariamente questi microrganismi possono farci ammalare, il vero problema e' che possono trasmettere il loro meccanismo di resistenza ad altri batteri presenti nel nostro organismo: senza seri provvedimenti, dunque, che ne limitino l'uso negli allevamenti gli antibiotici potrebbero, tra una decina di anni, non riuscire a sconfiggere la maggior parte dei batteri, anche negli uomini.

I risultati del test dimostrano che il problema della resistenza agli antibiotici e' molto diffuso ed e' strettamente legato al tema della sicurezza alimentare: occorre migliorare il monitoraggio dell'uso di questi medicinali in ambito veterinario con sistemi di sorveglianza piu' severi. Serve un sistema che lavori maggiormente sulla prevenzione delle malattie animali, per ridurre la necessita' di usare gli antibiotici. Non solo: visto i rischi per l'uomo, sarebbe opportuno conservare una classe di antibiotici da usare solo per gli animali e non per le persone, in modo da limitare i danni. Queste le richieste girate al ministero della Salute da cui ci si aspetta interventi chiari e maggiore informazione ai consumatori.

Affinche' gli antibiotici continuino a essere efficaci e' utile adottare alcune precauzioni, agendo su due fronti: il corretto uso di antibiotici, e l'igiene in cucina. Solo il medico puo' decidere se prescrivere un antibiotico, consiglia Altroconsumo. Se prescritto, continua Altroconsumo, e' necessario assumerlo per il periodo indicato e agli orari prestabiliti. L'unico modo efficace di uccidere i microrganismi e' cuocere bene la carne: al centro deve raggiungere una temperatura di almeno 70 gradi. Non bisogna inoltre mettere mai la carne cotta nello stesso piatto in cui l'avevi appoggiata cruda e, anche in frigo, separare gli alimenti crudi da quelli cotti.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Terremoti
Sisma Centro Italia, Errani: grandissimo rischio spopolamento
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech