giovedì 08 dicembre | 07:51
pubblicato il 24/mag/2012 19:45

Salute/ Trasfusione infetta a Arezzo,risarcimento da 700mila euro

Dopo 15 anni riconosciuto il danno per epatite C

Salute/ Trasfusione infetta a Arezzo,risarcimento da 700mila euro

Firenze, 24 mag. (askanews) - Aveva contratto l'epatite C, da bambina, per una trasfusione di sangue infetto. E' quanto riconosce una sentenza del Tribunale di Arezzo, che, dopo 15 anni ha condannato il Ministero della Salute ad un risarcimento di 700 mila euro. La donna, aretina, era stata sottoposta a cure nella propria città e a Firenze. A rendere nota la vicenda è l'avvocato Carlo Buricchi, Il legale, che seguito tutto l'iter giudiziario per la donna, avverte che se lo Stato avesse accettato, nel 2009, la "procedura transattiva", per l'erario l'esborso sarebbe stato di 200 mila euro in meno. La sentenza tiene conto dei danni non patrimoniali: l'allora giovane paziente ha subito danni alla salute che le hanno compromesso per sempre la qualità della sua vita.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Sicurezza
Gabrielli: militari non c'entrano con controllo territorio
Camorra
Intreccio camorra-politica: 11 arresti in Irpinia
Maltempo
Allerta protezione civile: pioggia e temporali sulla Sicilia
Droga
Frosinone, blitz antidroga di Polizia e Carabinieri: 50 arresti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni