lunedì 27 febbraio | 12:06
pubblicato il 07/giu/2013 14:44

Salute: Telethon, da Padova una nuova terapia per muscoli danneggiati

Salute: Telethon, da Padova una nuova terapia per muscoli danneggiati

(ASCA) - Roma, 7 giu - Rigenerare i muscoli danneggiati grazie a un'impalcatura molecolare a base di collagene VI: e' quanto suggerisce uno studio finanziato da Telethon e pubblicato su Nature Communications dal gruppo di ricerca coordinato da Paolo Bonaldo, professore di Biologia cellulare all'Universita' di Padova. Oltre a chiarire un aspetto importante del modo con cui il muscolo si riforma dopo un danno, questo studio propone un nuovo approccio di terapia cellulare da applicare in malattie muscolari degenerative, come per esempio le distrofie.

''Il collagene VI - spiega Bonaldo - e' una nostra vecchia conoscenza: sono infatti oltre 15 anni che, con il supporto di Telethon, studiamo questa proteina. Normalmente e' responsabile dell'ancoraggio delle fibre muscolari alla loro struttura esterna di supporto, la matrice, ma quando e' difettosa porta allo sviluppo di due rare malattie ereditarie del muscolo, la distrofia congenita di Ullrich e la miopatia di Bethlem. Nello studio appena pubblicato - illustra il professore - abbiamo dimostrato nel modello animale di queste patologie come il collagene VI sia essenziale per una corretta rigenerazione muscolare. In caso di danno ai muscoli, infatti, il compito di avviarne la riparazione e' in capo a particolari cellule staminali adulte, chiamate satelliti, che per funzionare hanno bisogno di una vera e propria impalcatura di supporto di cui il collagene VI e' un ingrediente essenziale. Se questa 'nicchia' - cosi' e' chiamata in gergo tecnico - manca del collagene VI, le cellule satelliti non si attivano nel modo giusto e rimangono come confuse, incapaci cosi' di mantenere la loro funzione di generare nuovo muscolo'', conclude il ricercatore dell'Universita' di Padova.

Il lavoro di Bonaldo e collaboratori aggiunge un nuovo tassello alle conoscenze sui meccanismi alla base dei difetti ereditari del collagene VI e suggerisce un nuovo approccio di terapia cellulare. Questa proteina, infatti, e' prodotta principalmente da cellule molto note e diffuse, nonche' facili da coltivare in laboratorio: i fibroblasti. Questo lavoro ha richiesto anche il contributo di alcuni laboratori internazionali, leader in campi scientifici molto diversi, dalla biologia delle cellule staminali, alla medicina rigenerativa e ingegneria dei materiali. I gruppi che hanno affiancato i ricercatori patavini sono quelli coordinati da Giulio Cossu (University College London, Uk), Thomas Rando (University of Stanford, Usa) e Giovanni Vozzi (Universita' di Pisa). com-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Dj Fabo in Svizzera, visite mediche per decidere l'eutanasia
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Campidoglio
Roma, Colomban: progetto taglio partecipate senza licenziamenti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Viticoltura vegan cresce: in 2016 +36% richieste certificazione
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech