domenica 22 gennaio | 07:04
pubblicato il 04/lug/2013 18:23

Salute: studio Usa, aumentano i casi di ictus in gravidanza

Salute: studio Usa, aumentano i casi di ictus in gravidanza

(ASCA) - Roma, 4 lug - Quello che dovrebbe essere il momento piu' bello della vita di una donna, talvolta puo', invece, trasformarsi in un evento tragico. Secondo alcuni studi, i cambiamenti corporei che avvengono nel periodo della gravidanza possono rendere la donna piu' predisposta all'ictus cerebrale. In base ai dati pubblicati su Stroke, il giornale ufficiale dell'American Heart Association, l'incidenza del fenomeno e' di ''solo'' 26 casi su 100.000, ma a preoccupare e' il significativo incremento registrato negli ultimi 10 anni, con un aumento del 54%. Numeri che hanno allertato la comunita' scientifica spingendo molti specialisti, in particolar modo americani, ad approfondire il rapporto tra ictus e gravidanza, suscitando la preoccupazione di molte future mamme e l'interesse generale per la questione.

''E' inevitabile che nel periodo di gestazione il corpo di una donna subisca dei cambiamenti profondi a livello ormonale e fisiologico: ipervolemia (aumento del volume del sangue circolante), vasodilatazione e trombofilia - ha commentato Valerio Sarmati, specialista in riabilitazione neurocognitiva post ictus cerebrale - principalmente, questi episodi di verificano con soggetti che presentano specifici fattori di rischio, che possono essere accentuati dalla gravidanza, ma che in ogni caso andrebbero tenuti sotto controllo. Purtroppo e' vero anche che esistono problemi specifici legati alla gestazione che possono aumentare il rischio di ictus: la preeclampsia, spesso asintomatica, e l'eclampsia (o tossiemia). La gestione dell'ictus in gravidanza e' una questione estremamente complessa, poiche' se e' estremamente necessario intervenire con dei farmaci, c'e' comunque da tenere conto dell'eventuale tossicita' che gli stessi possono avere per il feto. E' quindi necessario che, quando possibile, si prevenga l'insorgenza dei fattori di rischio stessi, cercando di evitare l'obesita', il fumo e curando l'alimentazione, e per quei problemi su cui non si puo' intervenire cambiando lo stile di vita e' bene rivolgersi a un medico che potra' tenere la situazione sempre sotto controllo''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Maltempo
Rigopiano, proseguono ricerche: bilancio 9 in salvo, 4 vittime
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4