mercoledì 18 gennaio | 21:29
pubblicato il 14/nov/2013 20:16

Salute: studio, tre caffe' al giorno allontanano rischio diabete tipo2

Salute: studio, tre caffe' al giorno allontanano rischio diabete tipo2

(ASCA9 - Roma, 14 nov - Secondo le ricerche pubblicate dall' Institute for Scientific Information on Coffee (ISIC), l'assunzione regolare e moderata di caffe' puo' diminuire il rischio per un individuo di sviluppare il diabete di tipo 2.

Di questa patologia soffrono oltre 370 milioni di persone nel mondo, rendendola uno dei piu' importanti problemi di salute.

Secondo quanto riferiscono i ricercatori, evidenze epidemiologiche mostrano che l'assunzione di 3-4 tazze di caffe' al giorno e' associata ad una riduzione approssimativa del 25% di rischio di sviluppare diabete di tipo 2, comparato ad un consumo nullo o minore a 2 tazze al giorno.Le ricerche hanno anche suggerito una riposta inversa riguardo le dosi, per cui ogni tazza di caffe' in aggiunta riduce il rischio relativo di sviluppo di diabete di tipo 2 del 7-8 per cento.

Secondo gli studiosi, e' poco probabile che la caffeina sia responsabile degli effetti protettivi del caffe': lo evidenzia uno studio che associa un basso rischio di diabete di tipo 2 al caffe' sia caffeinato che decaffeinato. Inoltre, un recente studio ha evidenziato un beneficio del caffe' filtrato rispetto a quello bollito, del decaffeinato rispetto al caffeinato e una piu' forte relazione inversa in coloro che hanno piu' di 60 anni, mentre un altro studio ha mostrato che il consumo regolare di caffe' (non decaffeinato) e' maggiormente protettivo contro il diabete di tipo 2 nelle donne di qualsiasi etnia che negli uomini Il report ha anche messo in evidenza alcune teorie sui meccanismi che sono alla base delle possibili relazioni tra consumo di caffe' e riduzione del rischio di diabete. Queste includono la ''Energy Expenditure Hypothesis' che suggerisce che la caffeina nel caffe' possa stimolare il metabolismo e aumentare il dispendio energetico e il ''Carbohydrate Metabolic Hypothesis', che stabilisce che i componenti del caffe' giochino un ruolo chiave nel bilanciamento del glucosio.

Esistono anche delle teorie minori che indicano che i componenti contenuti nel caffe' possono migliorare la sensibilita' dell'insulina attraverso meccanismi quali la modulazione degli stati infiammatori, mediando lo stress ossidativo cellulare, gli effetti ormonali o attraverso la riduzione del ferro. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Terremoti
Sisma, Raggi: a Roma saranno avviate verifiche su scuole e uffici
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina