mercoledì 18 gennaio | 15:38
pubblicato il 11/mar/2013 14:09

Salute: stress, c'e' stretto legame tra cervello e problemi al cuore

Salute: stress, c'e' stretto legame tra cervello e problemi al cuore

(ASCA) - Rma, 11 mar - Cervello e cuore, due organi apparentemente cosi' distanti nel corpo umano, sembrerebbero avere un legame molto piu' stretto di quanto ci si possa immaginare. E' quanto si evince da uno studio condotto dall'Istituto di ricovero e cura a carattere Scientifico (Irccs) Fondazione Santa Lucia di Roma con il Dipartimento cardiovascolare e neurologico dell'Ospedale San Donato di Arezzo che evidenzia i rischi di cardiomiopatia da stress in pazienti con gravi disturbi neurologici. Lo rende noto la stessa Fondazione Santa Lucia, delineando un quadro in cui la prevenzione assume ''un ruolo chiave''. La cardiomiopatia da stress, nota anche con il nome 'Tako-Tsubo' o 'sindrome del cuore infranto'', e' una sindrome caratterizzata da una presentazione clinica simile a quella di un infarto del miocardio, ma in assenza di ostruzione coronarica. Tale sindrome si presenta tipicamente in seguito ad eventi fortemente stressanti ed e' particolarmente prevalente in donne in eta' post-menopausale.

Patologie particolarmente invalidanti del sistema nervoso centrale quali ictus ischemico, emorragia cerebrale, epilessia, sono in grado di scatenare la cardiopatia da stress in pazienti predisposti e spesso tale sindrome viene misconosciuta e non adeguatamente trattata. Lo studio pubblicato sull'International Journal of Cardiology mette in luce i possibili meccanismi patogenetici attraverso i quali alcune patologie neurologiche sarebbero in grado di scatenare tale sindrome. In particolare, il danno di specifiche aree cerebrali indurrebbe un'eccessiva attivazione del sistema simpatico. Tale attivazione causerebbe un aumento della produzione di catecolamine che sarebbe in grado di alterare la normale funzione cardiaca e di determinare i sintomi tipici della cardiomiopatia da stress.

La dimostrazione di una stretta relazione tra cervello e cuore e dei possibili meccanismi interposti ha importanti risvolti clinici: in pazienti con gravi disturbi neurologici sarebbe opportuno, infatti, attuare misure preventive volte a limitare le conseguenze sul piano cardiologico sia del danno neurologico sia delle terapie di supporto spesso utilizzate in questa tipologia di pazienti.

Ridurre il rischio di cardiomiopatia da stress contribuirebbe a migliorare gli outcome riabilitativi e la qualita' di vita in pazienti con importanti malattie neurologiche.

red-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Terremoti
Cnr: sisma fenomeno di contagio a cascata tra faglie adiacenti
Maltempo
Abruzzo ancora al buio, duecentomila persone senza corrente
Maltempo
Protezione civile, ancora allerta per nevicate e forti venti
Terremoti
Terremoto, sindaca Raggi riunisce il centro operativo comunale
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Trasporto su rotaia, dal 2020 si viaggerà a levitazione magnetica
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa