sabato 03 dicembre | 01:55
pubblicato il 11/mar/2013 14:09

Salute: stress, c'e' stretto legame tra cervello e problemi al cuore

Salute: stress, c'e' stretto legame tra cervello e problemi al cuore

(ASCA) - Rma, 11 mar - Cervello e cuore, due organi apparentemente cosi' distanti nel corpo umano, sembrerebbero avere un legame molto piu' stretto di quanto ci si possa immaginare. E' quanto si evince da uno studio condotto dall'Istituto di ricovero e cura a carattere Scientifico (Irccs) Fondazione Santa Lucia di Roma con il Dipartimento cardiovascolare e neurologico dell'Ospedale San Donato di Arezzo che evidenzia i rischi di cardiomiopatia da stress in pazienti con gravi disturbi neurologici. Lo rende noto la stessa Fondazione Santa Lucia, delineando un quadro in cui la prevenzione assume ''un ruolo chiave''. La cardiomiopatia da stress, nota anche con il nome 'Tako-Tsubo' o 'sindrome del cuore infranto'', e' una sindrome caratterizzata da una presentazione clinica simile a quella di un infarto del miocardio, ma in assenza di ostruzione coronarica. Tale sindrome si presenta tipicamente in seguito ad eventi fortemente stressanti ed e' particolarmente prevalente in donne in eta' post-menopausale.

Patologie particolarmente invalidanti del sistema nervoso centrale quali ictus ischemico, emorragia cerebrale, epilessia, sono in grado di scatenare la cardiopatia da stress in pazienti predisposti e spesso tale sindrome viene misconosciuta e non adeguatamente trattata. Lo studio pubblicato sull'International Journal of Cardiology mette in luce i possibili meccanismi patogenetici attraverso i quali alcune patologie neurologiche sarebbero in grado di scatenare tale sindrome. In particolare, il danno di specifiche aree cerebrali indurrebbe un'eccessiva attivazione del sistema simpatico. Tale attivazione causerebbe un aumento della produzione di catecolamine che sarebbe in grado di alterare la normale funzione cardiaca e di determinare i sintomi tipici della cardiomiopatia da stress.

La dimostrazione di una stretta relazione tra cervello e cuore e dei possibili meccanismi interposti ha importanti risvolti clinici: in pazienti con gravi disturbi neurologici sarebbe opportuno, infatti, attuare misure preventive volte a limitare le conseguenze sul piano cardiologico sia del danno neurologico sia delle terapie di supporto spesso utilizzate in questa tipologia di pazienti.

Ridurre il rischio di cardiomiopatia da stress contribuirebbe a migliorare gli outcome riabilitativi e la qualita' di vita in pazienti con importanti malattie neurologiche.

red-stt/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari