sabato 03 dicembre | 14:44
pubblicato il 18/gen/2013 16:09

Salute: ricerca Telethon, da ormone appetito strategia salva-muscoli

Salute: ricerca Telethon, da ormone appetito strategia salva-muscoli

(ASCA) - Roma, 18 gen - Scoperta una nuova via metabolica ''salva muscoli'' da sfruttare per contrastare il deperimento generale che si osserva in numerose malattie, genetiche ma non solo. A descriverla sulle pagine del 'Journal of Clinical Investigation' e' uno studio finanziato da Telethon coordinato da Andrea Graziani della Scuola di medicina dell'Universita' del Piemonte Orientale ''Amedeo Avogadro'' di Novara.

''Da diversi anni stavamo studiando - spiega Graziani - anche grazie a fondi Telethon, il fenomeno della cachessia, ovvero l'indebolimento generale della forza muscolare che spesso caratterizza svariate patologie croniche, dalle malattie neuromuscolari come l'atrofia muscolare spinale (Sma) e la sclerosi laterale amiotrofica (Sla), all'anoressia, i tumori, l'Aids, l'ostruzione polmonare cronica, la sclerosi multipla''.

''Al di la' di quale sia l'origine, in queste situazioni - aggiunge - come anche nell'invecchiamento, i muscoli perdono forza e massa, con conseguenze negative sul peso corporeo, sull'appetito, sulla mobilita' e, in ultima analisi, sulla funzionalita' cardiaca e respiratoria. Trovare una strategia per contrastare la cachessia puo' rivelarsi quindi molto importante per migliorare la qualita' della vita di pazienti affetti da malattie genetiche e da tutte queste altre condizioni''.

La strada seguita dai ricercatori piemontesi coinvolge un ormone noto da tempo, la grelina, in grado di stimolare l'appetito in caso di digiuno. Si sapeva infatti che agendo a livello del cervello, in particolare dell'ipotalamo, l'ormone era in grado di stimolare l'appetito e indurre la produzione di ormone della crescita (Gh) e contrastare cosi' la cachessia. L'ormone, pero', esiste in due forme, di cui solo una agisce nel cervello. Graziani e il suo gruppo si sono concentrati sull'altra, a lungo considerata inattiva, dimostrando che agisce direttamente sul muscolo contrastando la cachessia. Inoltre, spiega il ricercatore, ''abbiamo dimostrato per la prima volta in questo lavoro che nel muscolo esiste un nuovo recettore per la grelina, che puo' legare entrambe le forme dell'ormone. Pur non conoscendo ancora nome e cognome di questo recettore, che altro non e' che una proteina localizzata sulla superficie delle cellule muscolari (e forse anche di altri tessuti) in grado di legare l'ormone, confidiamo nel fatto che questa via alternativa possa offrire spunti interessanti per lo sviluppo di una terapia farmacologica anti-cachessia''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari