martedì 21 febbraio | 04:51
pubblicato il 19/apr/2013 16:39

Salute: quando la malnutrizione arriva in corsia. A rischio anziani

Salute: quando la malnutrizione arriva in corsia. A rischio anziani

(ASCA) - Roma, 19 apr - Si chiama 'malnutrizione iatrogena', ma il nome di per se' non aiuta a capire il fenomeno e le sue conseguenze. E' la carenza nutrizionale indotta o perpetuata dalla scarsa attenzione che il personale sanitario ha nelle strutture ospedaliere e costituisce un problema di salute pubblica non trascurabile. Se ne discute in occasione di Nutrition and metabolism (Nu.Me) - 5* International mediterranean meeting -, in programma a Terni in questi giorni. ''La malnutrizione - spiega Lucio Lucchin, presidente dell'Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione clinica (Adi) - e' una condizione presente in una percentuale che varia dal 20 al 40 per cento dei pazienti alla loro ammissione in ospedale. Purtroppo e' stato dimostrato che circa il 70 per cento dei degenti peggiora il proprio stato nutrizionale durante i primi 10 giorni di ricovero e addirittura che vi e' un mancato riconoscimento della patologia nel 60-70 per cento dei casi. Lo studio osservazionale nazionale PIMAI (Project Iatrogenic Malnutrition in Italy), realizzato in diversi ospedali italiani dotati di un Servizio di dietetica e nutrizione clinica, ha evidenziato che all'ingresso in ospedale la percentuale di soggetti malnutriti e' pari al 31% e l'indice di trascuratezza nutrizionale e' elevato''. Gli studi nazionali hanno anche mostrato che il vitto viene considerato fondamentale dal paziente per il miglioramento dello stato di salute e che nell'anziano la malnutrizione e' fortemente correlata all'ambiente in cui vive. I dati epidemiologici infatti dimostrano una prevalenza della malnutrizione proteico-energetica (PEM) che aumenta per gli anziani che vivono nelle lungodegenze rispetto a quanti vivono presso il loro domicilio. ''La malnutrizione - sottolinea l'esperto dell'ADI - e' una situazione tale per cui un deficit (malnutrizione per difetto) o un eccesso (malnutrizione per eccesso) di energie, proteine o altri nutrienti, conduce ad effetti indesiderati sulla composizione corporea o sulla funzionalita' di organi e tessuti, tale da determinare una alterazione della qualita' della vita che si puo' tradurre in condizioni di morbilita' e mortalita'. In presenza di uno stato di malnutrizione - continua Lucchin - si puo' andare incontro ad un disagio psicologico, ad alterazioni della funzionalita' di alcuni organi, subentra l'atrofia muscolare, vi e' un ritardo nella cicatrizzazione delle ferite, il sistema immunitario viene gravemente compromesso e ci si predispone alle infezioni. In questo modo - conclude il presidente ADI - si prolungano i tempi di degenza ospedaliera, fino al 30-40 % rispetto a quella ordinaria . E di conseguenza, dato economico non trascurabile, si incrementano i costi sia diretti (correlati alla patologia), sia indiretti (in termini sociopsicologici, aumentata vulnerabilita' alla malattia, ricoveri ripetuti)'' per il servizio sanitario.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Sciopero Taxi, base prepara blitz a Roma. Delrio: regolamentare
Roma
Roma, grave il bimbo di 3 mesi rapito dal padre a Monterotondo
Salute
Infarto, 1 struttura sanitaria su 2 non ripetta volumi ministero
Campidoglio
Roma, Grillo a Raggi: decidete voi e non fatevi influenzare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
Verona Fiere, Evoo Days, al via il primo forum per filiera olio
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia