lunedì 23 gennaio | 06:28
pubblicato il 07/nov/2013 14:45

Salute: Pediatri ospedalieri, nuove malattie in corsia e nuove sfide

Salute: Pediatri ospedalieri, nuove malattie in corsia e nuove sfide

(ASCA) - Roma, 7 nov - Cambiano le necessita' di cura non solo degli adulti, ma anche dei bambini che vengono assistiti in ospedale. Se le malattie acute predominavano fino ad alcuni decenni fa oggi si assiste a un costante aumento di quelle croniche con tutto quello che cio' comporta anche in termini di sostenibilita'. E' quanto emerge dal VI Congresso Nazionale della Societa' Italiana di Pediatria Ospedaliera (SIPO) in corso a Roma. ''Negli anni - dichiara Francesco Paravati, Presidente della SIPO - e' mutata l'epidemiologia delle malattie pediatriche: quelle infettive impattano meno rispetto al passato sulle risorse per l'assistenza. Tali patologie, tra le principali cause di morte infantile nella prima meta' del secolo scorso, sono in calo vertiginoso, anche grazie alle strategie preventive vaccinali e alle migliori terapie''. Fanno tuttavia capolino le malattie ''da importazione'': tubercolosi, particolarmente presente nell'Est Europa, e, con 500 nuovi casi in Italia tra il 2010 e il 2012, malaria che ogni giorno fa circa 3.000 vittime tra i bambini africani. E poi altre, come la meningite, che presenta circa 800 casi l'anno nel nostro Paese che possono essere contrastati da un'efficace strategia preventiva quale la vaccinazione. Importante nell'ottica di una valutazione costo-efficacia relativamente alle risorse che altrimenti il sistema sanitario dovrebbe impiegare in ospedalizzazioni e cure, oltre a quelle per l'assistenza. ''In questi anni - prosegue Paravati - abbiamo assistito a un aumento esponenziale delle malattie legate alla cronicita' e ai bisogni complessi, come ad esempio le malattie genetiche e quelle rare che interessano circa 50.000 pazienti in eta' pediatrica''. Ne deriva che anche i reparti di pediatria degli ospedali italiani dovranno essere riorganizzati soprattutto alla luce dei bisogni di salute emergenti per dare risposte adeguate ai pazienti con malattie complesse (malattie immunologiche, reumatologiche, oncologiche, malattie comportamentali e psichiatriche, quest'ultime soprattutto nell'adolescente) e a quelli che necessitano di assistenza semintensiva o intensiva. Una riorganizzazione che dovra' prestare attenzione anche alla riabilitazione pediatrica e alle cure palliative che attualmente interessano circa 11.000 bambini''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, il numero dei dispersi sale a 24
Terremoti
Enel: diga Campotosto sicura ma deciso un ulteriore svuotamento
Terremoti
Terremoto, pres. Grandi rischi: dighe Campotosto rischio Vajont
Maltempo
Hotel Rigopiano, Curcio: c'è speranza di trovare dispersi vivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Nuove postazioni di telemedicina italiana no profit in Africa
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4