martedì 28 febbraio | 04:29
pubblicato il 26/giu/2013 20:59

Salute: Medici SItI incontrano Lorenzin, prevenzione arma vincente

Salute: Medici SItI incontrano Lorenzin, prevenzione arma vincente

(ASCA) - Roma, 26 giu - Ridurre i costi inutili, mediante la dismissione di pratiche inefficaci; potenziare l'offerta preventiva efficace; favorire l'invecchiamento attivo, mediante azioni sugli stili di vita; riequilibrare il rapporto tra salute e ambiente e garantire la sicurezza alimentare. Sono queste le proposte avanzate dalla Societa' Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanita' Pubblica (SItI) e illustrate al Ministro della Salute nel corso di un incontro svoltosi presso la sede di Lungotevere Ripa, a Roma.

''A nome della SItI ringraziamo il ministro Lorenzin per aver ascoltato le nostre istanze e confidiamo in un impegno concreto nelle direzioni indicate'' affermano Michele Conversano, presidente e Sandro Cinquetti, Coordinatore del Collegio Operatori SItI, presenti all'incontro. La delegazione della Societa' di Igiene, Medicina Preventiva e Sanita' Pubblica, che comprende oltre 3000 operatori del Servizio sanitario nazionale, docenti universitari e ricercatori, ha formulato al titolare della Salute alcune proposte concrete da realizzare nel breve periodo, sottolineando come la prevenzione puo' costituire l'arma vincente per contrastare le malattie di maggior rilevanza sociale e il fenomeno ingravescente della cronicita'. Un'arma che, secondo la SItI, puo' anche favorire percorsi di equita' e sicurezza sociale di grande utilita' in un periodo inevitabilmente interessato da restrizioni economiche e da riordino strutturale. Anche alla luce delle recenti dichiarazioni del ministro Lorenzin sull'importanza che la prevenzione riveste, SItI offre la massima disponibilita' collaborativa al Ministero della Salute. ''Com'e' noto la situazione attuale in Italia non e' confortante dal momento che negli ultimi anni si ''risparmia' solamente sul primo dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), quello della prevenzione collettiva - sottolineano Conversano e Conquetti -.

Nonostante i patti tra il Governo centrale e le Regioni, per la prevenzione non si spende neppure il 5% della spesa sanitaria complessiva, con il risultato che si omettono numerosi interventi a tutela della salute dei cittadini. E' quindi molto importante - concludono i due esponenti della SItI - che con il nuovo Piano Nazionale della Prevenzione per i prossimi 5 anni si determini una svolta a favore della promozione della Salute''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Biotestamento
Marco Cappato: Fabo è morto alle 11.40
Criminalità
Rapine ed estorsioni a Napoli, 47 misure cautelari
Maltempo
Allerta Protezione civile: pioggia e venti forti al Centro-Nord
'Ndrangheta
'Ndrangheta, sequestrati a imprenditore colluso beni per 2,5 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech