venerdì 09 dicembre | 07:00
pubblicato il 08/apr/2013 15:58

Salute: Malati gioco azzardo on line, la cura arriva troppo tardi

Salute: Malati gioco azzardo on line, la cura arriva troppo tardi

(ASCA) - Roma, 8 apr - ''I malati del gioco d'azzardo aumentano con la crisi economica ma la cura per loro arriva troppo tardi''.

Ad affermarlo e' Paola Vinciguerra, psicoterapeuta, Presidente dell'Eurodap, Associazione Europea Disturbi da Attacchi di Panico che domani partecipera' a Bruxelles al convegno ''Verso il gioco d'azzardo on-line sicuro e regolamentato: utopia o realta'?'', organizzato dal Comitato Economico e Sociale sezione ''Mercato Unico, produzione e consumo''. Secondo i dati, su 60 milioni di italiani il 54% ha giocato almeno una o piu' volte ai giochi d'azzardo. Di questi l'1,5% ha sviluppato una vera e propria patologia legata al gioco. Questo vuol dire che in Italia circa mezzo milione di persone ha bisogno di cure appropriate a causa del comportamento ossessivo compulsivo che ha sviluppato.

''Con l'uso di Internet la malattia del gioco d'azzardo e' aumentata in modo esponenziale; la possibilita' di giocare on-line ha fatto perdere quei freni inibitori che sono presenti nel gioco dal vivo - spiega Vinciguerra - . Il giocatore on-line e' meno esposto a confronti con l'esterno e ad eventuali disagi che proprio il confronto con gli altri potrebbe creargli. Non ha bisogno di uscire di casa e per questo non deve inventare scuse; i giocatori dipendenti tendono a mantenere segreti anche alla famiglia i loro comportamenti''.

Secondo l'esperta, ''se la diagnosi della malattia e' precoce c'e' la possibilita' di una remissione totale dei sintomi. Ma va tenuto presente che i portatori di patologie compulsive sono molto restii a considerarsi malati, giustificano continuamente i loro comportamenti, negano la dipendenza ed affermano di mettere in atto il comportamento per loro scelta. Sostengono, inoltre, di essere assolutamente in grado di smettere quando vogliono. Questo atteggiamento non permette di poter accedere alla cura se non quando la compulsivita' ha ormai invaso quasi la totalita' del quotidiano e la presenza dei sintomi e' evidentissima''.

''I sintomi della dipendenza sono diversi - aggiunge la psicoterapeuta, anche responsabile dell'UIAP, Unita' Italiana attacchi di Panico presso la Clinica Paideia di Roma - per esempio c'e' la necessita' di trascorrere sempre piu' tempo a giocare. Se si smette c'e' agitazione, ansia, depressione, si perde l'interesse per qualsiasi altra attivita' e si deve tornare a giocare d'azzardo per stare meglio''.

Secondo la Vinciguerra ''tutti questi sintomi, che possono apparire lentamente, difficilmente vengono riconosciuti dal giocatore e dai suoi familiari. Il giocatore e' bravissimo nel dire e nel dirsi bugie e i familiari prendono coscienza della patologia solo quando la situazione pratica o economica e' ormai deflagrata'' ''Lo stato di dipendenza altera la nostra attivita' cerebrale. Quando si vuole curare un malato di gioco d'azzardo non si tratta di modificare il suo comportamento ma alcuni suoi circuiti cerebrali che si sono organizzati nel tempo in modo disfunzionale - conclude - e in questo tipo di patologie la prevenzione e' fondamentale''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni