domenica 11 dicembre | 07:52
pubblicato il 10/dic/2013 11:31

Salute: Libro Bianco Donne, tumori in aumento. Cresce abuso droghe

Salute: Libro Bianco Donne, tumori in aumento. Cresce abuso droghe

(ASCA) - Roma, 10 dicembre 2013 - Vivono piu' a lungo degli uomini ma consumano piu' farmaci. Continuano a combattere con sovrappeso e obesita', anche perche' sono in generale piu' 'pigre' degli uomini. Piu' spesso degli uomini si trovano a combattere contro il tumore, soprattutto al nord, ma e' in aumento anche l'abuso di droghe. E' la fotografia scattata dal Libro Bianco sullo stato di salute delle donne italiane realizzato da O.N.Da con il contributo di Farmindustria e presentato oggi a Roma. I dati dicono di un aumento, seppure di poco, dell'aspettativa di vita per le donne italiane che nel 2011 era mediamente 84,5 anni contro i 79,4 anni per gli uomini. Dalla comparazione dei tassi di ospedalizzazione non emergono differenze significative tra uomini e donne, mentre i livelli di consumo di farmaci risultano piu' elevati per la popolazione femminile (42,92% contro 34,31%), registrandosi tuttavia una modesta contrazione rispetto al 2009 (44,62%).

L'analisi degli indicatori di salute e malattia nelle diverse regioni italiane evidenzia un incremento dell'incidenza e della prevalenza di tutti i tumori maligni nelle donne con una differenza Nord-Sud a svantaggio del Settentrione, anche se il tasso standardizzato di mortalita' e' quasi doppio per gli uomini (35,60 vs 19,39 per 100.000 abitanti). La prevenzione oncologica si e' molto sviluppata nell'ambito degli screening organizzati ed e' migliorata su tutto il territorio nazionale, anche se persiste una differenza tra macro-aree geografiche. In particolare, per quanto riguarda la vaccinazione anti-Papilloma virus, la copertura raggiunta risulta ancora disomogenea e ben lontana dagli obiettivi prefissati. I dati sulle malattie ischemiche confermano le marcate differenze di genere, con tassi di ospedalizzazione piu' che doppi negli uomini rispetto alle donne (961,7 vs 341,1 per 100.000 abitanti). Nell'ambito della salute mentale, il tasso di ospedalizzazione per i disturbi psichici da abuso di droghe e' maggiore per gli uomini ma si registra un aumento tra il genere femminile, in particolare nella fascia di eta' 45-54 anni. In tema di salute materno-infantile, permane un'alta percentuale di tagli cesarei (38,71%), con un range che varia da un minimo del 23,99% in Friuli Venezia Giulia a un massimo del 61,72% in Campania, mentre i punti nascita sono diminuiti, cosi' come il numero di strutture con TIN (Terapia Intensiva Neonatale), che eseguono meno di 800 parti /anno; rimane ancora molto lavoro da fare per riorganizzare la rete assistenziale secondo le linee di azione tracciate dal Programma Nazionale, approvato dalla Conferenza Stato-Regioni del 2011. Secondo gli esperti, dunque, e' sempre piu' necessario promuovere un'ottica di genere in materia di salute, per migliorare l'appropriatezza preventiva e prescrittiva, garantendo la sostenibilita' del Servizio Sanitario Nazionale.

Lo ha ribadito Francesca Merzagora, di ONDa, ricordando come l'indagine abbia posto sotto il riflettore ''tematiche di rilevanza clinico-epidemiologica e socio-economica, tra cui: le malattie a trasmissione sessuale, che registrano anche nel nostro Paese un preoccupante trend di crescita; la sclerosi multipla, patologia tipicamente declinata al femminile ad elevato impatto invalidante; il dolore cronico, che nella sua declinazione al femminile presenta peculiarita' cliniche e terapeutiche ad oggi ancora sottovalutate e poco conosciute; la salute materno-infantile, con particolare rifermento alla depressione perinatale, alla riorganizzazione della rete dei punti nascita e alla nascita pretermine''.

''Il quadro che emerge da questo volume - ha detto Walter Ricciardi, Direttore del Dipartimento di Sanita' Pubblica, Universita' Cattolica del Sacro Cuore di Roma - evidenzia rileva l'urgenza sia di promuovere campagne preventive piu' mirate e politiche socio-sanitarie capaci anche di favorire il potenziamento e l'adeguamento dell'offerta dei servizi, spesso insufficienti e poco rispondenti alle esigenze''.

mpd/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Musica
Al Bano colpito da infarto e operato. "Ora sto bene"
Papa
Papa: cambiamenti climatici aggravati da negligenza umana
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina