martedì 06 dicembre | 02:00
pubblicato il 11/feb/2013 15:41

Salute: L'epilessia si combatte anche a scuola. Al via campagna LICE

Salute: L'epilessia si combatte anche a scuola. Al via campagna LICE

(ASCA) - Roma, 11 feb - ''Se all'improvviso... un bambino viene colto da una crisi epilettica a scuola?''. E' la domanda piu' frequente che gli insegnanti rivolgono ai neurologi e che ha dato il nome alla Campagna di sensibilizzazione nelle scuole promossa dai neurologi della Lega italiana contro l'Epilessia (LICE) in occasione della Giornata Europea per l'Epilessia, che s celebra oggi. 17 regioni coinvolte, 150 scuole previste, oltre 700 insegnanti e circa 15.000 bambini: questi i numeri dell'iniziativa organizzata allo scopo di informare e sensibilizzare insegnanti e bambini di prima e seconda elementare sulla malattia neurologica piu' diffusa al mondo che, ancora oggi, suscita tanti pregiudizi. Nel nostro Paese, l'epilessia conta oltre 500.000 malati, circa 30.000 casi nuovi all'anno e un'incidenza particolarmente elevata nei bambini. Tra i piu' piccoli, la fascia d'eta' piu' a rischio e' quella sotto il primo anno di vita. La campagna ''Se all'improvviso..'' cerchera' di colmare quelle lacune sulla conoscenza della epilessia, emerse dalla survey condotta dalla LICE sui docenti di scuola primaria e pubblicata sulla rivista Epilepsy and Behavior.

Dall'indagine risulta che ben il 44% degli insegnanti dichiara di avere o aver avuto un bambino con epilessia in classe, ma che solo i 2/3 di questi e' stato informato dai genitori. Le difficolta' dei genitori nei confronti della malattia, sono state riscontrate anche dagli stessi insegnanti: infatti, il 64% di questi non si sente in grado di gestire un bambino con una crisi epilettica in atto, mentre il 57,9 degli intervistati pensa di dover porre un oggetto in bocca al bambino durante una crisi. Il 24,7% pensa che l'epilessia metta a rischio le capacita' di apprendimento del bambino e il 32,8% pensa che la malattia sia un impedimento per l'attivita' motoria e ricreativa. A differenza di quanto comunemente si creda, l'epilessia non incide in modo significativo sulle capacita' di apprendimento del bambino, ne' tanto meno sulle sue possibilita' di gioco: se non soffre di forme gravi, il bambino epilettico puo' prendere parte a tutte le attivita' che vengono svolte in classe. In caso di crisi epilettica in classe, non bisogna mai infilare oggetti in bocca ne' tantomeno cercare di bloccare la persona. Far si', invece, che il bambino non si faccia male, sfilando gli occhiali e ponendo, se possibile, un cuscino sotto la testa. Sono queste alcune delle conoscenze di base sull'epilessia che verranno fornite nelle scuole attraverso il progetto ''Se all'improvviso..' che aiutera' gli insegnanti e i bambini a conoscere l'epilessia e a non averne paura, anche attraverso l'impiego strumenti adatti ai piu' piccoli, come la fiaba Sara e le sbiruline di Emily, una brochure che propone un percorso ludico educativo e un poster con illustrazioni a fumetti relativo alle prime manovre di soccorso da effettuare in caso di crisi epilettica. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Allerta maltempo: temporali sulle due Isole e sulla Calabria
Immigrati
Guardia costiera: salvati 231 migranti nel Mediterraneo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Diabete, arriva in Italia penna con concentrazione doppia insulina

Roma, 5 dic. (askanews) - Un'iniezione "morbida", più facile, e una penna con il doppio delle unità di insulina disponibili per ridurre il numero di device da gestire: un...

Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Eden Travel Group, il SalvaVacanza spinge l'advance booking
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Spazio, nuovo successo per il razzo italiano Vega
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari