giovedì 23 febbraio | 12:42
pubblicato il 03/mag/2013 12:04

Salute: Istat, oltre 50% malati cronici non lavora

(ASCA) - Roma, 3 mag - In Italia oltre il 50% di chi soffre di piu' di un problema di salute o difficolta' funzionali e' professionalmente inattivo. Lo afferma l'Istat nel suo rapporto 'Limitazioni nello svolgimento dell'attivita' lavorativa delle persone con problemi di salute'.

Complessivamenete le persone tra 15 e 64 anni che nel II trimestre 2011 dichiarano di essere affette da una o piu' malattie croniche o da problemi di salute di lunga durata o di avere difficolta' funzionali sono 6 milioni 556 mila.

L'analisi dell'Istat denota che, come prevedibile, avere condizioni di salute non buone rappresenta un ostacolo allo svolgimento di un lavoro d'altro canto dimostrano le percentuali della popolazione con un'occupazione: molto piu' basse tra coloro che soffrono di piu' problemi di salute (45,6%) rispetto a chi soffre di un solo problema (55,9%) o dichiara di non avere problemi di salute (59,3%).

com-stt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carige
Truffa a Carige, l'ex presidente Berneschi condannato a 8 anni
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech