sabato 03 dicembre | 23:12
pubblicato il 15/nov/2013 17:08

Salute: ISS, aumenta resistenza ad antibiotici. 5 regole per non abusare

Salute: ISS, aumenta resistenza ad antibiotici. 5 regole per non abusare

(ASCA) - Roma, 15 nov - Auemnta in Europa la resistenza agli antibiotici. Lo evidenziano i dati di antibiotico-resistenza forniti dalla sorveglianza EARS-Net ai quali e' dedicato il Primo Piano sul sito dell'Istituto Superiore di Sanita'. In particolare, nel giro di 4 anni e' aumentata notevolmente la resistenza agli antibiotici in due specie di batteri sotto sorveglianza: Escherichia coli e Klebsiella pneumoniae, specie responsabili di infezioni urinarie, sepsi ed altre infezioni nosocomiali, che mostrano un aumento nelle percentuali di resistenza alle cefalosporine di terza generazione, fluorochinoloni ed aminoglicosidi, resistenze che sono spesso combinate tra di loro generando batteri multi-resistenti, causa di infezioni difficilmente trattabili. Negli ultimi anni tra le resistenze si e' aggiunta quella ai carbapenemi, antibiotici di ultima risorsa, che puo' rendere l'infezione praticamente intrattabile. Per questo l'ISS sottolinea l'importanza di tenere accesa l'attenzione anche attraverso la Giornata degli Antibiotici, un'iniziativa europea per la salute dei cittadini promossa dal Centro Europeo per la Prevenzione e il Controllo delle malattie (ECDC) di Stoccolma che si tiene ogni anno intorno al 18 novembre. La Giornata e' dedicata all'approfondimento del problema della resistenza agli antibiotici e della necessita' dell'uso appropriato di questi farmaci per mantenere il piu' a lungo possibile la loro efficacia nel trattamento delle infezioni. L'antibiotico-resistenza non e' uniforme nei paesi dell'Unione Europea, ma e' maggiore nei paesi del sud e dell'est Europa, tra cui l'Italia.

L'Italia e' nel gruppo di paesi con livelli di resistenza piu' alti nella maggior parte delle specie patogene sotto sorveglianza. Per contribuire alla sensibilizzazione dei cittadini europei su questo problema, l'ECDC ha prodotto un breve filmato che ha tradotto in tutte le lingue dell'Unione Europea nel quale l'uso improprio degli antibiotici viene paragonato a quello di una lampadina che resta accesa di giorno e che di notte, al momento del bisogno, sara' esaurita. ''Gli antibiotici sono farmaci preziosi, ma vanno usati correttamente e con equilibrio - avverte l'ISS - altrimenti rischiano di perdere l'efficacia grazie alla quale hanno contribuito significativamente ad abbattere la mortalita' dovuta alle malattie infettive. Usare gli antibiotici in maniera responsabile significa tutelare la salute di tutti poiche' il loro cattivo utilizzo rischia di rendere piu' forti i batteri aumentare la diffusione delle infezioni e diminuire le nostre armi per combatterle''. Ecco cinque pratiche regole per farne un corretto uso: Gli antibiotici combattono i batteri. Non prenderli in caso di raffreddore o influenza Gli antibiotici non curano i virus e non servono neanche a prevenirli Assumi gli antibiotici solo dietro prescrizione medica Assumi gli antibiotici seguendo esattamente la posologia indicata dal medico Se assumi troppi antibiotici o li sostituisci spontaneamente rischi di farli diventare inefficaci .

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari