giovedì 19 gennaio | 14:32
pubblicato il 23/feb/2012 13:39

Salute/ In calo i consumi a rischio, ma tra giovani troppo alcol

La relazione di Balduzzi: In costante aumento il 'binge drinking'

Salute/ In calo i consumi a rischio, ma tra giovani troppo alcol

Roma, 23 feb. (askanews) - Negli ultimi anni il consumo a rischio di alcol risulta stabile o addirittura in calo fra i ragazzi minorenni ed è diminuita, in generale, la mortalità legata a patologie connesse all'uso dell'alcol, ma tra i giovani il consumo e spesso l'abuso resta ancora troppo alto. La percentuale di ragazze tra i 14 e i 17 anni consumatrici di alcol, ad esempio, è raddoppiata negli ultimi 15 anni. A lanciare l'allarme è la Relazione del Ministro della Salute Renato Balduzzi al Parlamento sui consumi alcolici, sui comportamenti a rischio e sugli interventi di contrasto attivati dal Ministero. Il dossier porta la data del 16 dicembre 2011, ma è stato reso noto oggi dal Ministero. A preoccupare, spiega Balduzzi nella relazione, è soprattutto il 'binge drinking', la moda arrivata dal Nord Europa di consumare bevande alcoliche diverse in quantità in un breve arco di tempo. Anche in Italia si è ormai diffusa stabilmente a partire dal 2003 e da allora ha registrato un costante aumento in entrambi i sessi: nel 2010 ha riguardato il 13,4% degli uomini e il 3,5% delle donne, tra le quali nella fascia d'età 18-24 anni sale al 9,7%. In generale nel decennio 2000-2010 è cresciuta tra i giovani e i giovani-adulti, sia uomini che donne, l'abitudine al consumo di superalcolici, aperitivi e amari, spesso lontano dai pasti e con frequenza occasionale. Il consumo fuori pasto si è particolarmente radicato tra i più giovani e i giovanissimi: nella fascia di età 18-24 anni i consumatori fuori pasto sono passati dal 33,7% al 41,9% e tra i giovanissimi di 14-17 anni dal 14,5% al 16,9%. Tra le ragazze di quest'età negli ultimi 15 anni la quota di consumatrici fuori pasto si è quasi triplicata (dal 6% del 1994 al 14,6% del 2010). Secondo l'Istituto suoperiore di Sanità, continua la relazione di Balduzzi, in Italia il 25,4% degli uomini ed il 7,3% delle donne di età superiore a 11 anni, circa 8.600.000 persone, consumano alcolici senza rispettare le indicazioni di consumo delle agenzie di sanità pubblica, esponendosi a rischi alcolcorrelati. Dal 1996 al 2009 sono cresciuti gli alcoldipendenti in trattamento nei servizi pubblici e la percentuale dei ricoveri ospedalieri per cirrosi alcolica, ma negli ultimi due anni il dato della mortalità correlata all'uso dell'alcol è diminuito: -12% dal 2007 al 2008, è in lieve calo la percentuale degli utenti in trattamento (-1,8% dal 2008 al 2009) e in particolare scende il numero dei nuovi utenti al di sotto dei 20 anni.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Terremoti
Sisma centro Italia, Ingv: oltre 100 scosse, 4 sopra magnitudo 5
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Allarme Clima, il 2016 è stato l'anno più caldo di sempre
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale