domenica 04 dicembre | 03:04
pubblicato il 02/gen/2013 12:00

Salute/ I grassi ma non troppo hanno minore rischio di mortalità

Lo rivela un nuovo studio

Salute/ I grassi ma non troppo hanno minore rischio di mortalità

Roma, 2 gen. (askanews) - Buone notizie per chi si è lasciato andare a tavola durante le feste natalizie, mettendo su qualche chilo di troppo. Secondo un nuovo studio, condotto da un team di ricercatori guidato da Katherine Flegal, del Centers for Disease Control and Prevention del Maryland, negli Stati Uniti, le persone mediamente obese hanno un minore rischio di mortalità prematura. Lo riporta il sito web del quotidiano britannico The Independent. Fino ad oggi si riteneva che i rischi fossero direttamente proporzionali all'aumento dei valori dell'Indice di massa corporea, un parametro basato su peso e altezza, utilizzato per definire lo stato di forma di una persona e riconosciuto dall'Organizzazione mondiale per la Sanità. Secondo lo studio però, le persone che presentano un indice compreso tra 30 e 34,9, equivalente alla fascia "obesità media" avrebbero un rischio di morte prematura inferiore del 5%. Statisticamente - scrive l'Independent -ciò non ha un grande significato, ma indica che non ci sono maggiori rischi di morte prematura per quella fascia di peso. L'indice di massa corporea si calcola dividendo il peso di una persona per la sua altezza elevata al quadrato.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari