lunedì 05 dicembre | 09:35
pubblicato il 17/ott/2013 18:27

Salute: giovani sempre piu' attenti a linea ma peso ok solo per 6 su 10

Salute: giovani sempre piu' attenti a linea ma peso ok solo per 6 su 10

(ASCA) - Milano, 17 ott - Giovani italiani sempre piu' attenti all'alimentazione e a un corretto stile di vita.

Lo evidenziano i dati della V edizione dell'Osservatorio Nestle' - Fondazione ADI, presentati in occasione del XV Corso Nazionale ADI (Associazione di Dietetica e Nutrizione clinica) in corso a Lecce. Lo studio, che rappresenta una delle piu' complete analisi sulle abitudini alimentari e sullo stato di forma fisica della popolazione italiana, in questa edizione ha raggiunto oltre 8 mila partecipanti, per un totale di oltre 43 mila interviste in 5 anni. Secondo l'indagine continua il trend positivo iniziato lo scorso anno con una percentuale stabile al 54 % di coloro che risultano normopeso. Ancora alta, pero', la percentuale delle persone in sovrappeso (30%) mentre risulta leggermente in calo rispetto al passato la percentuale degli obesi al 13% (16% nel 2010).

La fotografia che emerge dai risultati dell'Osservatorio e' molto incoraggiante: circa il 66% dei giovani italiani tra i 16 e i 34 anni risulta essere normopeso (in confronto al 44,6% del cluster 45-65).

''Purtroppo le buone abitudini sembrano limitate alla fascia piu' giovane e non coinvolgere proprio le persone piu' a rischio, in relazione all'eta', di malattie metaboliche e patologia cardiovascolare. I giovani cominciano a dare il buon esempio; abbiamo la speranza che questo trend possa in tempi brevi coinvolgere anche i meno giovani'', commenta Giuseppe Fatati, Presidente della Fondazione ADI e coordinatore scientifico dello studio.

Una fotografia che si puo' definire incoraggiante se correlata anche ai dati relativi allo stile di vita: sono infatti in diminuzione gli italiani che fanno vita sedentaria (31% rispetto al 35% dello scorso anno) e, anche tra coloro che dichiarano non praticare sport (66%), e' evidente una forte volonta' di avere uno stile di vita attivo, se si considera che il 35% infatti, dichiara di fare delle lunghe passeggiate appena possibile e di preferire, comunque, di muoversi a piedi.

Secondo i dati sono in leggero aumento gli italiani che saltano i pasti (29% quest'anno contro il 26% dell'anno scorso), pessima abitudine radicata soprattutto tra le persone obese che ammettono di saltare i pasti piu' volte durante la settimana (23%), e meno nei normopeso (17%).

In aumento, inoltre, gli italiani che fanno una colazione veloce: tra questi la maggioranza sono in sovrappeso o obesi mentre per le persone normopeso la percentuale rimane piu' bassa, nonostante piu' del 70% di questi dedichi ancora poco tempo alla colazione (meno di 15 minuti).

7 italiani su 10 dichiarano di vivere il momento dei pasti con convivialita' eppure solo il 15% degli italiani fa colazione assieme alla famiglia.

Inoltre, sono in aumento anche le persone che pur parlando con i commensali svolgono altre attivita' (telefono, tablet, radio) durante il pasto. Fare un ''bel pasto completo'' al giorno d'oggi, sembra non andare piu' di moda: quest'anno solo il 15% del campione (23% lo scorso anno) se lo concede.

A pranzo si preferisce un primo (44%) o un secondo (32%), a cena invece si preferisce un secondo piatto 54%, anche se il numero degli italiani che optano anche per un bel piatto di pasta e' aumentato leggermente rispetto allo scorso anno (16% nel 2013 rispetto al 12 %del 2012). Sia per pranzo che per cena gli italiani prediligono la compagnia della famiglia, ed in particolare la cena e' un momento casalingo (il 93% degli intervistati la consuma a casa) e da trascorrere con amici e famiglia (86%).

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari