giovedì 19 gennaio | 18:09
pubblicato il 25/ott/2013 21:01

Salute: frutta e vegetali causa del 72% delle allergie alimentari

Salute: frutta e vegetali causa del 72% delle allergie alimentari

(ASCA) - Roma, 26 ott - Frutta e verdura rappresentano le allergie di gran lunga piu' comuni (72%) seguite da crostacei (13%) pesce (4%) latte (3%) uovo (3%) cereali (2%). Sono i dati diffusi in occasione del il congresso AAITO, Associazione Allergologi Immunologi Territoriali ed Ospedalieri, relativi a una ricerca sulle allergie alimentari condotta in 17 Centri, distribuiti in 10 regioni italiane, che ha coinvolto oltre 25 mila pazienti adulti. Nei pazienti con allergia ad alimenti di origine vegetale la proteina allergenica piu' frequentemente responsabile di sensibilizzazioni, e quindi di reazioni allergiche, e' la LTP (lipid transfer protein), un allergene del regno vegetale frequentemente cross-reagente presente nella pesca, albicocca, prugna ma anche noce, nocciola, arachide, mais, riso. Sembra che la prevalenza dell'allergia all'LTP aumenti gradualmente con la latitudine, con un marcato aumento nelle regioni meridionali. Verosimilmente le variazioni geografiche emerse da questa indagine rappresentano lo specchio di differenze di esposizione agli allergeni respiratori e di differenti abitudini alimentari.

''C'e' troppa disinformazione, soprattutto nel campo delle allergie ed intolleranze alimentari - afferma M.Beatrice Bilo', nuovo presidente AAITO - almeno il 60% dei pazienti hanno praticato cure errate e hanno riscontrato diagnosi diverse da quelle che, da soli, avevano scoperto.

Troppe le persone che credono di essere allergiche o intolleranti ad un alimento, e si curano senza aver contattato degli esperti, con una dieta 'fatta in casa' che potrebbe provocare disturbi reali, soprattutto nei bambini ed anziani. La presenza del web e dei siti di 'counseling on line', infatti, facilita l'autodiagnosi, ma spesso questa e' sbagliata. Il ruolo degli specialisti e' essenziale: se si vuole fare economia, e' necessario affidarsi a test diagnostici scientificamente validati ed eseguiti da esperti del settore''.

Durante il Congresso la Federazione delle Societa' Italiane di Allergologia e Immunologia Clinica presenta un importante documento sui vaccini anti-allergici con l'obiettivo di giungere ad un ''Consensus'' italiano su aspetti maggiormente correlati alla realta' clinica, agli aspetti regolatori, ai contesti gestionali/organizzativi nei quali questa terapia viene praticata, alle problematiche dei rimborsi per i quali sussiste una completa difformita' nelle diverse regioni e per intraprendere adeguate azioni innovative per la diffusione e la conoscenza di una terapia fondamentale per la cura della rinite, dell'asma allergico e delle allergie al veleno di imenotteri. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Maltempo
Valanga hotel Rigopiano, recuperata una vittima
Maltempo
Valanga su hotel, circa 30 dispersi: "Diversi i morti"
Maltempo
Valanga su hotel, vigili fuoco: distrutto, parti non esistono più
Campidoglio
Raggi: la Giunta capitolina approva emendamento a Bilancio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Spazio, 9 orologi atomici in avaria sui 18 satelliti di Galileo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale