giovedì 08 dicembre | 21:20
pubblicato il 25/ott/2013 21:01

Salute: frutta e vegetali causa del 72% delle allergie alimentari

Salute: frutta e vegetali causa del 72% delle allergie alimentari

(ASCA) - Roma, 26 ott - Frutta e verdura rappresentano le allergie di gran lunga piu' comuni (72%) seguite da crostacei (13%) pesce (4%) latte (3%) uovo (3%) cereali (2%). Sono i dati diffusi in occasione del il congresso AAITO, Associazione Allergologi Immunologi Territoriali ed Ospedalieri, relativi a una ricerca sulle allergie alimentari condotta in 17 Centri, distribuiti in 10 regioni italiane, che ha coinvolto oltre 25 mila pazienti adulti. Nei pazienti con allergia ad alimenti di origine vegetale la proteina allergenica piu' frequentemente responsabile di sensibilizzazioni, e quindi di reazioni allergiche, e' la LTP (lipid transfer protein), un allergene del regno vegetale frequentemente cross-reagente presente nella pesca, albicocca, prugna ma anche noce, nocciola, arachide, mais, riso. Sembra che la prevalenza dell'allergia all'LTP aumenti gradualmente con la latitudine, con un marcato aumento nelle regioni meridionali. Verosimilmente le variazioni geografiche emerse da questa indagine rappresentano lo specchio di differenze di esposizione agli allergeni respiratori e di differenti abitudini alimentari.

''C'e' troppa disinformazione, soprattutto nel campo delle allergie ed intolleranze alimentari - afferma M.Beatrice Bilo', nuovo presidente AAITO - almeno il 60% dei pazienti hanno praticato cure errate e hanno riscontrato diagnosi diverse da quelle che, da soli, avevano scoperto.

Troppe le persone che credono di essere allergiche o intolleranti ad un alimento, e si curano senza aver contattato degli esperti, con una dieta 'fatta in casa' che potrebbe provocare disturbi reali, soprattutto nei bambini ed anziani. La presenza del web e dei siti di 'counseling on line', infatti, facilita l'autodiagnosi, ma spesso questa e' sbagliata. Il ruolo degli specialisti e' essenziale: se si vuole fare economia, e' necessario affidarsi a test diagnostici scientificamente validati ed eseguiti da esperti del settore''.

Durante il Congresso la Federazione delle Societa' Italiane di Allergologia e Immunologia Clinica presenta un importante documento sui vaccini anti-allergici con l'obiettivo di giungere ad un ''Consensus'' italiano su aspetti maggiormente correlati alla realta' clinica, agli aspetti regolatori, ai contesti gestionali/organizzativi nei quali questa terapia viene praticata, alle problematiche dei rimborsi per i quali sussiste una completa difformita' nelle diverse regioni e per intraprendere adeguate azioni innovative per la diffusione e la conoscenza di una terapia fondamentale per la cura della rinite, dell'asma allergico e delle allergie al veleno di imenotteri. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni