domenica 04 dicembre | 09:28
pubblicato il 23/gen/2013 11:00

Salute: Fiog, sciopero il 12/02. Solo parti d'emergenza

Salute: Fiog, sciopero il 12/02. Solo parti d'emergenza

(ASCA) - Roma, 23 gen - I medici ginecologi iscritti alla Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia insieme ai colleghi e alle ostetriche/i delle altre sigle e societa' rappresentanti di categoria sciopereranno il 12 febbraio, bloccando le attivita' ostetrico-ginecologiche. Lo comunica una nota della Fiog (Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia).

Si invitano le gestanti e la popolazione ad allearsi con i medici nel perseguire gli stessi obiettivi di salute, informa la Fiog, e quindi ad aderire all'iniziativa di rivendicazione presso le forze politiche impegnate nella corsa per il governo della nazione. Questa scelta, prosegue la Fiog, e' giustificata dalla necessita' di superare la schizofrenia gestionale fra le azioni di governo che da una parte stimolano la riduzione al ricorso al taglio cesareo, il ricorso alle metodiche antalgiche come la parto analgesia farmacologica, l'introduzione dell'assicurazione obbligatoria per i medici; dall'altra attraverso i tagli della spending review (lineari e non standard) e delle manovre finanziarie degli ultimi anni non garantiscono le risorse necessarie. ''Gli operatori dei punti nascita italiani, aggiunge la Fiog, sono stanchi di fare da 'parafulmine' per le responsabilita' gestionali e di governo e di ricorrere alla 'medicina difensiva' per l'aumento del contenzioso medico-legale. La medicina difensiva fa si che il medico ricorra ad un maggior numero di esami ed eviti l'intervento piu' adeguato nei casi rischiosi. Questo determina un aumento dei costi e riduce la tutela del paziente. Chiediamo pertanto al futuro governo, conclude la Federazione, di introdurre la definizione di atto medico cosi' da ridefinire la responsabilita' professionale del medico come avviene in Europa, di stabilire con precisione i confini del rischio terapeutico e della vera e propria malpractice, e inoltre di definire i limiti del risarcimento patrimoniale. Solo con queste misure sara' possibile riequilibrare la relazione tra medico e paziente e permettere alle assicurazioni di stabilire delle tabelle di rischio attuariale che permetteranno a tutti, medici e pazienti, una necessaria tutela del rischio professionale''.

com/rus

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari