giovedì 23 febbraio | 13:24
pubblicato il 03/giu/2013 19:42

Salute: Dipendenza da smart-phone? Hotel offre servizio psicoterapeuta

Salute: Dipendenza da smart-phone? Hotel offre servizio psicoterapeuta

(ASCA) - Roma, 3 giu - E' stato premiato solo poche settimane fa come uno dei migliori alberghi del mondo dal gruppo Conde' Nast e ora l'hotel Byron di Forte dei Marmi, meta prescelta, tra i tanti vip che lo frequentano, da Naomi Campbell, Vladimir Doronin, Daniel Craig, Flavio Briatore, Eros Ramazzotti e Donatella Versace, fa di nuovo notizia per l'idea di offrire ai propri ospiti vip uno speciale e unico servizio. La proprieta' mette infatti a disposizione dei clienti uno psicologo multilingue (Ezio Benelli, a capo della Scuola di Psicoterapia ''Erich Fromm'' di Prato) che, all'occorrenza, ''cura'' gli ospiti dalla dipendenza da i-Phone, smartphone e tablet, ovviamente per chi ritiene di doverne fare uso.

E che quella dai telefonini sia una dipendenza psicologica lo affermano, ormai senza ombra di dubbio, le principali universita' americane: secondo uno studio di quella di Stanford, il 75% degli interpellati dorme con l'i-Phone vicino al letto, l'85% lo controlla costantemente e il 94% confessa di avere un certo livello di dipendenza dal proprio smartphone. Inoltre, secondo autorevoli studi, il 93% dei top manager lavora anche nei periodi di vacanza, soprattutto in momenti di crisi come quello attuale, incrementando di conseguenza anche l'uso del cellulare. E il problema pare non essere circoscritto ai comuni mortali, manager o meno che siano... Pare infatti che tra le celebrita' di Hollywood sia esplosa una vera e propria mania da i-Phone/smartphone che, pur essendo ben lungi dalle tragiche dipendenze da droga che hanno afflitto molte star del cinema nel passato, tuttavia non risulta meno estesa nelle proporzioni. Molte celebrita' hollywoodiane sembrano infatti essere perennemente attaccate al loro telefono e non importa quali siano le occasioni: cene di gala, red carpet, eventi mondani... basta non separarsi mai dall'amato i-Phone.

Tra gli addicted incalliti primeggiano Paris e Nicky Hilton, Kim Kardashian, Geri Halliwell, Jennifer Lopez, P. Diddy, Hugh Grant, Jessica Alba, Mariah Carey, Justin Timberlake e Channing Tatum. Insomma, un piccolo esercito di maniaci della connessione che, tra un brindisi e un premio, non rinunciano a ''smanettare'' per nulla al mondo. Alcuni, poi, come Kate Moss, Lady Gaga, Lindsay Lohan, Ashton Kutcher, Blake Lively e Justin Bieber senza telefono proprio non possono vivere al punto da venire punzecchiati malignamente dalla stampa per la loro pazzia da i-Phone .

Commenta. Domenico De Masi, docente di Sociologia del Lavoro presso l'Universita' ''La Sapienza'' di Roma. ''Ormai l'i-Phone e' una protesi e non potremmo mai farne a meno. La consulenza e' una idea originale, ma dubito che in periodi come questi si possa rinunciare a questo nostro ''arto' digitale. Soprattutto in tempi di crisi e in momenti in cui si deve essere sempre raggiungibili''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Campidoglio
Grillo in Campidoglio: su stadio Roma decidono Raggi e Consiglio
Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Milano
Dopo le palme in piazza Duomo a Milano arrivano i banani
Salute
Aborto, Cei su ospedale San Camillo: "Non snaturare la legge 194"
Altre sezioni
Salute e Benessere
Tribunale malato: per 1 medico su 3 troppo poco tempo per paziente
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Borella, Maestro d'olio: amaro, piccante e quindi salutare
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
I 7 gemelli della Terra: il parere dell'astronauta Maurizio Cheli
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech