venerdì 02 dicembre | 19:15
pubblicato il 21/mar/2014 19:35

Salute: Conoscere e curare il Cuore, specialisti a congresso a Firenze

Salute: Conoscere e curare il Cuore, specialisti a congresso a Firenze

(ASCA) - Firenze, 21 mar 2014 - E' ricca di novita' la XXXI edizione del Congresso ''Conoscere e curare il cuore'', organizzata anche quest'anno a Firenze dal 21 al 23 marzo dal Centro Lotta contro l'Infarto - Fondazione Onlus. In questa edizione il Congresso presenta, per la prima volta, numerosi output innovativi in ambiti di intervento differenziati: dalla ricerca scientifica, alle nuove strategie terapeutiche, alle nuove procedure tecnico-diagnostiche, all'elaborazione di classificazioni anamnestiche di ultima generazione, a progetti innovativi per il paziente. Infatti, nonostante la crescente attenzione alla prevenzione primaria e secondaria, le patologie cardiovascolari costituiscono ancora oggi in Italia uno dei piu' importanti problemi di salute pubblica, rappresentando una delle maggiori cause d'invalidita' e mortalita' nella popolazione adulta. Dati Istat rivelano che complessivamente le malattie del sistema circolatorio causano 224.482 morti all'anno (97.952 uomini e 126.530 donne), pari al 38,8% del totale dei decessi nella popolazione italiana. Il Congresso presenta per la prima volta, i risultati di un nuovo studio di ricerca scientifica con la tecnica OCT relativo alla guarigione delle placche coronariche responsabili dell'infarto miocardico, un lavoro che mette in discussione certezze acquisite nel tempo. In questo lavoro, condotto da un gruppo francese, e' stato possibile, per la prima volta, analizzare l'evoluzione delle placche aterosclerotiche, causa di un evento infartuale.

E ancora, le malattie cardiovascolari sono, insieme alle neoplasie, le principali cause di morte nei paesi occidentali. Sulla base di un primo dato, pubblicato recentemente sul British Journal ofCancer relativo ad una popolazione molto ampia, relativa ad oltre 142.000 uomini e 335.000 donne, e' stato dimostrato che i soggetti che seguivano una dieta mediterranea avevano un rischio di sviluppare tumori significativamente piu' basso. Gli ultimi studi presentati al riguardo indicano nuove possibili traiettorie terapeutiche: curando il cuore e' possibile prevenire i tumori. Ad esempio l'aspirina, farmaco cardine nella prevenzione cardiovascolare ha un effetto antitumorale soprattutto relativo alle neoplasie del colon e del polmone.

Lo stesso si puo' dire probabilmente per le statine, che contrariamente a quanto asserito in fasi precedenti della ricerca scientifica, potrebbero avere un ruolo protettivo sullo sviluppo dei tumori. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari