sabato 21 gennaio | 19:05
pubblicato il 22/ott/2013 10:25

Salute: Coldiretti, dall'estero 2 pesci su 3 ma etichetta non lo dice

Salute: Coldiretti, dall'estero 2 pesci su 3 ma etichetta non lo dice

(ASCA) - Roma, 22 ott - E' necessario rendere obbligatoria l'indicazione della provenienza in etichetta per il pesce fresco e trasformato dopo che negli ultimi cinque anni di crisi sono quasi triplicate le frodi a tavola con un incremento record del 170 per cento del valore di cibi e bevande sequestrate perche' adulterate, contraffate o falsificate. E' quanto afferma la Coldiretti nel commentare il sequestro, dei Nas dei Carabinieri di Salerno e di Genova, di trentadue tonnellate di confezioni di sgombro al naturale infestato da parassiti, confezionato in Marocco ed importato da una ditta genovese, ''dopo che la Procura di Torino ha avviato le indagini sul 'catodo', un prodotto chimico che, spruzzato sul pesce lo farebbe sembrare fresco come appena pescato anche quando invece non lo e', magari perche' importato dall'estero. Piu' di due pesci sui tre consumati in Italia provengono dall'estero ma il consumatore non riesce a saperlo per la mancanza di una informazione trasparente. Attualmente - ricorda Coldiretti - la legge sull'etichettatura per il pesce fresco prevede la sola indicazione della zona di pesca mentre per quello trasformato quella di confezionamento. Il pesce italiano, ad esempio, fa parte della cosiddetta 'zona Fao 37', che contraddistingue il prodotto del Mediterraneo. Il rischio di ritrovarsi nel piatto prodotto straniero e' tanto piu' forte nella ristorazione, dove spesso vengono spacciati per tricolori prodotti che arrivano in realta' dall'estero''. ''Le frodi a tavola si moltiplicano nel tempo della crisi soprattutto con la diffusione dei cibi low cost e sono crimini particolarmente odiosi perche' - continua Coldiretti - si fondano sull'inganno nei confronti di quanti, per la ridotta capacita' di spesa, sono costretti a risparmiare sugli acquisti di alimenti. Oltre un certo limite non e' possibile farlo se non si vuole mettere a rischio la salute. Le preoccupazioni - conclude la Coldiretti - riguardano anche il fatto che l'Italia e' un forte importatore di prodotti alimentari, con il rischio concreto che nei cibi in vendita vengano utilizzati ingredienti di diversa qualita'''. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Incidenti stradali
Schianto bus ungherese, a bordo 15-16enni in gita in Francia
Maltempo
Hotel Rigopiano, Prefettura Pescara: 23 i dispersi segnalati
Maltempo
Rigopiano, Vigili fuoco: trovati 10 superstiti, 5 già ricoverati
Incidenti stradali
Pullman ungherese si schianta e prende fuoco in A4, 16 morti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4