sabato 25 febbraio | 01:56
pubblicato il 08/mar/2013 19:49

Salute: Cinghiali radioattivi. Balduzzi, nessun pericolo

Salute: Cinghiali radioattivi. Balduzzi, nessun pericolo

(ASCA) - Roma, 8 mar - I livelli di contaminazione da Cesio 137 riscontrati nei cinghiali in Valsesia ''non costituiscono un rischio per la salute pubblica in considerazione dei limitati consumi di carne di cinghiale e di selvaggina''. Lo sottolinea il ministro della Salute, Renato Balduzzi. Questa mattina sulla questione si e' tenuta la prima riunione operativa tra i tecnici del Ministero della Salute e i tecnici della Regione Piemonte, alla presenza del comandante dei Carabinieri del Nas, gen. Cosimo Piccinno, e del comandante dei Carabinieri del Noe, gen. Vincenzo Paticchio. La riunione e' durata due ore. Le autorita' regionali piemontesi hanno fornito la mappa con le coordinate precise dei luoghi di tutti gli abbattimenti dei cinghiali risultati contaminati. Si tratta di capi abbattuti dai cacciatori tra il 27 settembre 2012 e il 18 novembre 2012. Di ogni animale si conosce l'eta' e il peso. Nel corso della riunione i tecnici dell'Arpa e dell'IZS di Torino hanno ribadito che la radioattivita' e' stata riscontrata in 27 capi ed e' stata finora confermata dalle analisi dell'Izs di Foggia, Centro di referenza nazionale per la ricerca della radioattivita' nel settore zootecnico e veterinario, a cui sono stati inviati finora nove campioni. Nel quadriennio 2006-2010, sono stati sottoposti a esami di ricerca del Cesio 137 latte, formaggi, acqua, terra e fieno riscontrando livelli non trascurabili di radioattivita', anche se ampiamente al di sotto dei limiti di legge, con eccezione dei campioni di terra, che hanno evidenziato picchi elevati a seconda dei punti di prelievo, confermando la contaminazione a ''macchia di leopardo'' gia' osservata in altre zone d'Italia al momento dell'incidente di Chernobyl. I valori dei campioni prelevati nel 2011 - solo per latte e formaggi - erano nella norma. Al termine della riunione, si e' deciso di procedere al campionamento da parte del NOE di terra ed acqua e da parte del NAS di matrici alimentari (selvaggina, frutti di bosco, funghi, latte e formaggi) da sottoporre ad analisi di laboratorio in Istituti nazionali. L'esito della riunione e' stato riferito al Procuratore della Repubblica di Vercelli che aveva gia' aperto un fascicolo processuale contro ignoti per l'articolo 439 c.p. (Avvelenamento di acque e di sostanze alimentari). Una relazione preliminare sara' prospettata al Procuratore il 13 marzo a Vercelli nel corso di incontro con ufficiali del NAS e del NOE. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Roma
Roma, truffe con falsi incidenti: arrestati 6 medici e 2 avvocati
Napoli
Napoli, assenteismo ospedale Loreto Mare: 94 indagati, 55 arresti
Campidoglio
Roma, Raggi in ospedale per controlli dopo un lieve malore
Campidoglio
Roma, medici: Raggi in netto miglioramento, si valuta uscita
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech