lunedì 23 gennaio | 20:26
pubblicato il 03/feb/2014 15:10

Salute: Chirurgia plastica, ecco protocollo per miglior seno possibile

Salute: Chirurgia plastica, ecco protocollo per miglior seno possibile

(ASCA) - Padova, 3 feb 2014 - La ''quarta'' misura non e' per tutte. A stabilire quale sia la taglia giusta per il proprio seno, considerando le proporzioni del corpo, ci pensa un protocollo che tiene in considerazione diversi fattori per stabilire quale sia la protesi piu' giusta. E' uno degli argomenti di cui si e' parlato a Padova nell'evento ''Chirurgia estetica della mammella - la mastoplastica additiva: opinioni a confronto'' organizzata e patrocinata dall'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe), con lo scopo di formare e aggiornare i medici. ''Il concetto di armonia del corpo e delle proporzioni e' sempre alla base del lavoro di un buon chirurgo, che deve rifiutare le proposte esagerate o di pazienti che hanno aspettative irrealistiche - afferma Alessandro Casadei, direttore del corso e membro del direttivo di Aicpe-. Il primo passo da fare non e' scegliere la protesi, ma prendere le misure per verificare quale sono le piu' adatte per il corpo della paziente. Questo e' possibile grazie a un algoritmo decisionale che si ottiene misurando altezza, peso, torace (circonferenza e distanza tra due ascelle), distanza del capezzolo da giugulo o clavicola e verificando con un calibro lo spessore del tessuto mammario, per analizzare che sia sufficiente per nascondere le protesi. Il chirurgo spiega poi quali sono le tecniche possibili per inserire la protesi, le cicatrici che ne derivano e insieme si sceglie la soluzione piu' adatta. Per le pazienti che hanno poco tessuto e' possibile scegliere protesi di dimensioni piu' piccole accompagnate da un innesto di tessuto adiposo, prelevato da altre parti del corpo, e da inserire nello stesso intervento, in modo da 'nascondere' la protesi''. L'aumento del seno resta uno degli interventi piu' desiderati dalle donne e determinante e' la scelta del chirurgo: deve essere preparato e aggiornato, in grado di proporre la soluzione giusta, che e' diversa in ciascuno dei casi che si trova davanti. Un buon chirurgo plastico deve spiegare alla paziente a cosa va incontro, informare sulle tecniche esistenti, rischi e complicanze, e indicare le alternative al paziente. Deve conoscere le diverse metodiche operative ed essere in grado di porre le corrette indicazioni al loro utilizzo in relazione al tipo di deformita' da correggere, conoscere le diverse tipologie di impianti reperibili sul mercato con vantaggi e svantaggi, implementare la qualita' dei risultati ottenibili e conoscere le attenzioni da prestare per minimizzare le complicanze ed i metodi per risolverle.

Tutte le indicazioni sono contenute nelle linee guida di Aicpe, un vademecum consultabile sul sito www.aicpe.org, a disposizione di medici e pazienti in cui e' indicato tutto quello che c'e' da sapere sui principali interventi di chirurgia estetica, dagli esami preliminari fino alle possibili complicazioni.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Bagnasco
Bagnasco: povertà si allarga. Subito reddito di inclusione
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4