venerdì 09 dicembre | 01:18
pubblicato il 03/feb/2014 15:10

Salute: Chirurgia plastica, ecco protocollo per miglior seno possibile

Salute: Chirurgia plastica, ecco protocollo per miglior seno possibile

(ASCA) - Padova, 3 feb 2014 - La ''quarta'' misura non e' per tutte. A stabilire quale sia la taglia giusta per il proprio seno, considerando le proporzioni del corpo, ci pensa un protocollo che tiene in considerazione diversi fattori per stabilire quale sia la protesi piu' giusta. E' uno degli argomenti di cui si e' parlato a Padova nell'evento ''Chirurgia estetica della mammella - la mastoplastica additiva: opinioni a confronto'' organizzata e patrocinata dall'Associazione Italiana di Chirurgia Plastica Estetica (Aicpe), con lo scopo di formare e aggiornare i medici. ''Il concetto di armonia del corpo e delle proporzioni e' sempre alla base del lavoro di un buon chirurgo, che deve rifiutare le proposte esagerate o di pazienti che hanno aspettative irrealistiche - afferma Alessandro Casadei, direttore del corso e membro del direttivo di Aicpe-. Il primo passo da fare non e' scegliere la protesi, ma prendere le misure per verificare quale sono le piu' adatte per il corpo della paziente. Questo e' possibile grazie a un algoritmo decisionale che si ottiene misurando altezza, peso, torace (circonferenza e distanza tra due ascelle), distanza del capezzolo da giugulo o clavicola e verificando con un calibro lo spessore del tessuto mammario, per analizzare che sia sufficiente per nascondere le protesi. Il chirurgo spiega poi quali sono le tecniche possibili per inserire la protesi, le cicatrici che ne derivano e insieme si sceglie la soluzione piu' adatta. Per le pazienti che hanno poco tessuto e' possibile scegliere protesi di dimensioni piu' piccole accompagnate da un innesto di tessuto adiposo, prelevato da altre parti del corpo, e da inserire nello stesso intervento, in modo da 'nascondere' la protesi''. L'aumento del seno resta uno degli interventi piu' desiderati dalle donne e determinante e' la scelta del chirurgo: deve essere preparato e aggiornato, in grado di proporre la soluzione giusta, che e' diversa in ciascuno dei casi che si trova davanti. Un buon chirurgo plastico deve spiegare alla paziente a cosa va incontro, informare sulle tecniche esistenti, rischi e complicanze, e indicare le alternative al paziente. Deve conoscere le diverse metodiche operative ed essere in grado di porre le corrette indicazioni al loro utilizzo in relazione al tipo di deformita' da correggere, conoscere le diverse tipologie di impianti reperibili sul mercato con vantaggi e svantaggi, implementare la qualita' dei risultati ottenibili e conoscere le attenzioni da prestare per minimizzare le complicanze ed i metodi per risolverle.

Tutte le indicazioni sono contenute nelle linee guida di Aicpe, un vademecum consultabile sul sito www.aicpe.org, a disposizione di medici e pazienti in cui e' indicato tutto quello che c'e' da sapere sui principali interventi di chirurgia estetica, dagli esami preliminari fino alle possibili complicazioni.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Immigrati
A Pozzallo sbarcati 573 migranti: duecento soccorsi in ipotermia
Papa
Papa: prego per bambini, famiglie che fanno fatica e lavoratori
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni