martedì 24 gennaio | 00:05
pubblicato il 17/gen/2011 15:07

Salute/ Bimbi grassi? Può essere colpa carenza di vitamina D

Studio Usa su 479 piccoli di Bogotà dai 5 ai 12 anni

Salute/ Bimbi grassi? Può essere colpa carenza di vitamina D

Roma, 17 gen. (askanews) - Se il bambino tende a ingrassare con disarmante facilità e ad accumulare "ciccia" soprattutto nel girovita, le cause potrebbero risiedere non soltanto in abitudini alimentari scorrette e in un'attività fisica insufficiente, ma in una carenza di vitamina D. E' quanto scoperto da uno studio dell'Università del Michigan pubblicato sull'American Journal of Clinical Nutrition, reso noto dall'osservatorio FederSalus. Secondo la ricerca, la propensione ad accumulare adipe addominale e a ingrassare rapidamente sarebbe legata a un deficit di vitamina D. L'accumulo di grasso addominale, infatti, è considerato causa prima del fisico "a forma di mela", una morfologia che espone il soggetto a un maggior rischio di Diabete di Tipo 2 precoce e, in età adulta, all'insorgenza di altre patologie a danno dell'apparato cardiovascolare. La ricerca, durata circa 30 mesi tra il 2006 e il 2009 ed è stata effettuata a Bogotà, in Colombia, su un campione di 479 bambini tra i 5 e i 12 anni d'età. E' emerso che, a situazioni di carenza di vitamina D, corrispondevano sia l'accumulo più vistoso di grasso addominale sia, esclusivamente nei soggetti di sesso femminile, problemi di crescita in altezza. "I dati che abbiamo raccolto - spiegano i ricercatori - suggeriscono che una situazione di carenza di vitamine del gruppo D può esporre i bambini al rischio di diventare obesi. Si tratta di una informazione significativa, considerato che la carenza di vitamina D è diffusa a livello planetario e che l'incidenza dell'obesità infantile sta crescendo ovunque a tassi preoccupanti". Oltre all'esposizione ai raggi solari, che resta la forma più semplice e immediata per garantire all'organismo il giusto quantitativo di vitamina D, altre fonti apprezzabili di questa vitamina sono gli integratori alimentari, l'olio di fegato di merluzzo, alcuni pesci grassi come salmone e aringa nonché il latte e i suoi derivati.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Stop alla caccia di tordi e beccacce
Stop alla caccia di tordi e beccacce, appello delle associazioni
Rigopiano
Hotel Rigopiano, bilancio sale a 7 vittime: ancora 22 i dispersi
Maltempo
Maltempo, Sicilia in ginocchio: un morto nel Palermitano
Campidoglio
Roma, riparte maratona bilancio. Ok a emendamenti Giunta Raggi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Digital Magics cede partecipazione in ProfumeriaWeb a Free Bird
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Tutti a Montefalco per l'Anteprima Sagrantino
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Sugli sci trainati dal drone: arriva il droneboarding
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4