lunedì 05 dicembre | 05:53
pubblicato il 16/gen/2014 19:16

Salute: attivita' ospedaliera, diminuiscono ricoveri e day hosp..(1upd)

Salute: attivita' ospedaliera, diminuiscono ricoveri e day hosp..(1upd)

(ASCA) - Roma, 16 gen 2014 - Rispetto al 2011, il numero complessivo di ricoveri ordinari per Acuti si riduce (- 2,9%), cosi' come il numero dei cicli di Day Hospital (-10,3%). Stesso discorso per l'attivita' totale per Acuti che riporta una riduzione del 5% e del tasso di ospedalizzazione per Acuti, che rispetto al 2011 si riduce da 110 a 108 dimissioni per 1.000 abitanti in regime ordinario.

Lo rivela il Rapporto annuale sull'attivita' ospedaliera (SDO) per l'anno 2012, pubblicato sul sito del ministero della Salute.

La riduzione dei valori di tutti gli indicatori rispetto al 2011 descrive una tendenza al miglioramento dell'appropriatezza, sottolinea il ministero rimarcando ''la significativa deospedalizzazione, con un miglioramento dell'appropriatezza organizzativa e dell'efficienza nell'uso dei nostri ospedali''.

Il Rapporto fotografa le attivita' di ricovero e cura per acuti degli ospedali italiani, pubblici e privati, in modo affidabile e completo. La banca dati SDO assicura una copertura della rilevazione oramai superiore al 99,5% degli ospedali pubblici e privati accreditati.

In particolare, nel 2012 sono stati erogati 10.257.796 ricoveri ospedalieri (contro i 10.749.246 dell'anno precedente), corrispondenti ad un totale di 66.707.607 giornate (nel 2011 erano 69.417.699).Il numero complessivo di ricoveri e giornate erogati e' in diminuzione a partire dal 2005. Rispetto al 2011, il numero complessivo di ricoveri ordinari per acuti si riduce da 7.043.070 a 6.837.823 (-2,9%), con una corrispondente diminuzione delle giornate di ricovero da 47.963.625 a 46.422.668 (-3,2%); il numero di cicli di day hospital effettuati si riduceda 2.828.910 a 2.538.561 (-10,3%).

L'attivita' totale per acuti passa da 9.879.863 unita' nel 2011 a 9.384.071 nel 2012, con una riduzione di circa il 5%.

La composizione dell'attivita' per acuti mostra nel 2012 una riduzione del day hospital dal 28,7% al 27,1% del totale.

La degenza media per acuti si mantiene pressoche' costante da diversi anni, intorno al valore di 6,7-6,8 giorni, mentre per le degenza medie per riabilitazione e per lungodegenza si osserva un decremento a partire dal 2009.

Rispetto al 2011, il tasso di ospedalizzazione per acuti per l'anno 2012 in Italia si riduce da 110 a 108 dimissioni per 1.000 abitanti in regime ordinario e a poco meno di 42 cicli di day hospital per 1.000 abitanti; si osserva, inoltre, una discreta variabilita' regionale.

La riduzione dei valori di tutti gli indicatori rispetto al 2011 - sottolinea il Ministero - descrive una tendenza al miglioramento dell'appropriatezza. red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari