venerdì 02 dicembre | 19:58
pubblicato il 15/feb/2013 17:48

Salute: associazioni a politici, malattie reumatiche al centro agenda

Salute: associazioni a politici, malattie reumatiche al centro agenda

(ASCA) - Roma, 15 feb - ''Assumere un impegno concreto per sostenere le esigenze delle persone colpite da malattie reumatiche'': e' chiara la richiesta che ANMAR (Associazione Nazionale Malati Reumatici), Cittadinanzattiva, SIR (Societa' Italiana di Reumatologia) e CROI (Collegio dei Reumatologi Ospedalieri Italiani) rivolgono a tutti i rappresentanti dei partiti politici e a coloro che si occuperanno di sanita' e tematiche sociali nella prossima legislatura. Un impegno che si articola in quattro punti specifici: realizzare un Piano nazionale, da approvare in sede di Conferenza-Stato Regioni, sulle patologie reumatiche, con particolare riferimento a quelle ad insorgenza in eta' lavorativa e ad alto potenziale invalidante. Progettare e implementare delle reti reumatologiche in tutte le Regioni, reperendo le risorse necessarie nell'ambito della ripartizione annuale delle quote del Fondo Sanitario Nazionale vincolate agli obiettivi di Piano Sanitario Nazionale. Garantire un'offerta di assistenza ospedaliera reumatologica adeguata e integrata con il territorio, in grado di rispondere tempestivamente e in modo efficiente, efficace e appropriato al bisogno di salute delle persone con patologie reumatiche. Programmare e formare un numero adeguato di medici specializzati investendo maggiormente nelle scuole di specializzazione universitarie in Reumatologia. Le malattie reumatiche rappresentano in Italia una delle prime cause di inabilita' temporanea e disabilita' permanente e sono la causa piu' frequente di assenza dal lavoro. In Italia sono oltre 5 milioni le persone che ne soffrono, e di queste circa 734.000 sono colpite da forme croniche quali: artrite reumatoide, spondilo artropatie, vasculiti e connettiviti, malattie particolarmente temibili per il coinvolgimento, oltre che osteoarticolare, di organi interni quali cuore, rene, polmoni, nervi, vasi, cervello ed altri ancora. A soffrire di malattie reumatiche sono persone di tutte le eta' e di ogni fascia sociale con una maggiore prevalenza tra le donne. L'ampia diffusione nella popolazione italiana e la loro incidenza in termini di costi sulla spesa pubblica le rendono una delle sfide piu' importanti con le quali deve confrontarsi. In questo senso diventa necessario offrire risposte diverse dal passato, soprattutto in termini di miglioramento dell'assistenza e di maggiore attenzione alla qualita' della vita delle persone che ne sono colpite.

Essenziale e' una organizzazione appropriata dell'assistenza reumatologica su scala nazionale, basata sulla diagnosi precoce in ambito specialistico e su trattamenti preventivi, per ridurre l'impatto della malattia sulla qualita' di vita dei cittadini ed abbattere gli enormi costi economici e sociali derivanti dalla progressiva invalidita' di chi ne e' colpito.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Inchiesta Roma
Mafia Capitale, altro processo: chiesto giudizio per 24 persone
Criminalità
Roma, imprenditore sequestrato e seviziato per usura: 3 arresti
Censis
Censis: paura degli stranieri, immigrazione preoccupa 44% italiani
Censis
Bullismo, oltre metà 11-17enni ha subìto comportamenti offensivi
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari