martedì 06 dicembre | 23:11
pubblicato il 05/mar/2013 16:41

Salute: allergia ai cipressi problema dei romani. Colpito uno su dieci

Salute: allergia ai cipressi problema dei romani. Colpito uno su dieci

(ASCA) - Roma, 5 mar - Primo accenno di primavera e scoppia il boom delle allergie. Tra quelle tipiche del centro Italia, e della Capitale in particolare, quella al polline del cipresso. ''Quest'albero - spiegano gli esperti dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesu' - scoperto come fonte allergenica piuttosto di recente, dal punto di vista epidemiologico e' causa di una allergia che se qualche decennio fa rappresentava solo una curiosita', nel tempo e' gradualmente aumentata arrivando ad essere un problema emergente e ad interessare quasi il 10% delle persone. Questo trend potrebbe essere legato al riscaldamento globale del pianeta che accresce la quantita' dei pollini rilasciata dalla pianta''.

Al Bambino Gesu' di Roma, che si trova in una delle aree dove questo tipo di allergia e' maggiormente diffuso, il test cutaneo viene eseguito di default e il 10-15% dei bambini che si sottopone alla prova allergica risulta positivo. Colpiti soprattutto gli adolescenti. Si stima che su 800.000 bambini tra 0 e 14 anni che vivono nel Lazio (di cui 230.000 tra i 10 ed i 14 anni), tra 5.000 e 15.000 possano essere gli allergici al cipresso. Il periodo nero per chi e' sensibile a questo albero e' piuttosto ampio: pur variando da specie a specie, il picco della pollinazione va da gennaio a marzo, con qualche colpo di coda nel mese di aprile. Nel sud Italia ed in altre zone del Mediterraneo, la pollinosi da cipresso puo' cominciare gia' da novembre e protrarsi fino al giugno.

''Se i sintomi sono quelli tipici delle pollinosi, anche le terapie sono le stesse - sottolinea Alessandro Giovanni Fiocchi, Responsabile di Allergologia dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesu' - in caso di rinite acuta si ricorre agli antistaminici e al cortisone spray, per placare la tosse si possono utilizzare i broncodilatatori, mentre per i casi piu' complessi e per prevenire manifestazioni asmatiche, ma si tratta di casi eccezionali, e' possibile intervenire con cicli di corticosteroidi o con farmaci ancora piu' importanti. Per la congiuntivite bisogna ricorrere a tutte le armi a disposizione, dal collirio antistaminico sino a cicli brevissimi di pomate cortisoniche''.

''Ma - avverte Fiocchi - la guerra alle allergie si vince solo con i vaccini, ovvero con la iposensibilizzazione specifica al cipresso, disponibile sia nella tradizionale somministrazione sottocutanea che per via sublinguale''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Calcio
Avviato procedimento disciplinare per vigile tifoso della Roma
Mafia
Operazione antimafia tra Ragusa e Caltanissetta: sette arresti
Violenza minori
A Napoli abbandona neonato in spazzatura:arrestata, bimbo salvo
Papa
Il papa: le chiese siano oasi di bellezza in periferie degradate
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Veronafiere,Danese:con Vinitaly salto qualità nei paesi asiatici
Turismo
Ponte Immacolata, per un italiano su due hotel è luogo dolce vita
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Robotica soft, macchine più versatili ispirate a piante e animali
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni