mercoledì 25 gennaio | 01:09
pubblicato il 16/apr/2013 20:17

Salute: al S.Camillo di Roma intervento protesi d'anca bilaterale

Salute: al S.Camillo di Roma intervento protesi d'anca bilaterale

(ASCA) - Roma, 16 apr - Un raro intervento di protesi di anca bilaterale in contemporanea e' stato eseguito per la prima volta presso l'ospedale San Camillo di Roma.

La paziente, una ragazza francese di 22 anni, e' stata operata dall'equipe di Sandro Rossetti, Primario del Dipartimento di Ortopedia e Traumatologia dell'Ospedale San Camillo di Roma, supportato da Francesco Pallotta, ortopedico e responsabile del reparto di Ortogeriatria.

La giovane era da molto tempo costretta sulla sedia a rotelle a causa di una displasia alle anche che l'ha immobilizzata per lunghi periodi nel corso della sua vita.

Era stata operata otto anni fa all'anca sinistra presso il Centro Universitario di Chirurgia Ortopedica di Caen, in Francia. Ma l'intervento non aveva risolto le sue difficolta' nel camminare. L'unica sua speranza era rappresentata dalle protesi di anca. Cosi', dopo aver avuto numerosi consulti presso diversi ospedali, ha scelto la Capitale, quindi l'ospedale San Camillo, dove i medici dell'equipe del Prof.

Rossetti l'hanno sottoposto ad un raro intervento di chirurgia ortopedica. L'operazione e' riuscito perfettamente.

Spiega Rossetti: ''L'intervento di protesi di anca bilaterale in contemporanea si esegue molto raramente. Il paziente di solito prima fa l'operazione ad un'anca e poi dopo sei mesi all'altra. Ma noi non abbiamo avuto scelta - aggiunge - la nostra paziente se operata solo ad un'anca non avrebbe potuto fare riabilitazione in attesa dell'intervento all'altra gamba perche' non e' in grado di muoversi. Viveva ormai sulla sedia a rotelle''.

''Le protesi utilizzate nell' intervento - aggiunge lo specialista - sono cosiddette a conservazione di collo.

Nascono per pazienti giovani, appunto, troppo giovani, per affrontare un impianto protesico classico ma che, comunque sofferenti, non sono in condizioni di vivere una vita normale dal punto di vista relazionale.

Nell'impianto protesico classico la testa e il collo del femore vengono sacrificati e vengono sostituiti con una struttura artificiale. Queste nuove protesi a conservazione di osso, invece, implicano una minore invasivita' ed un minor sacrificio della componente ossea. Cio' permette al paziente ancora giovane di ricorrere alla chirurgia protesica tranquillamente perche' potra' usufruire in futuro, se ne avra' necessita', di una protesi classica come se fosse un primo impianto''.

red/mpd

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
'Ndrangheta
'Ndrangheta, operazione "Stammer": 54 persone fermate
Maltempo
Individuato elicottero 118 precipitato nell'aquilano, 6 a bordo
Maltempo
Recuperato altro corpo in hotel Rigopiano, vittime salgono a 16
Maltempo
Rigopiano, 15 vittime: 9 ancora in obitorio da identificare
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4